La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 22 giugno 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Nuovi semafori in città, da aprile il rilevamento automatico delle infrazioni per chi passa con il rosso

I due nuovi impianti a chiamata in corso IV Novembre e corso De Gasperi attivati nei mesi scorsi. I rilevatori di velocità possono essere attivi solo con la presenza degli agenti di Polizia locale

La Guida - Nuovi semafori in città, da aprile il rilevamento automatico delle infrazioni per chi passa con il rosso

Cuneo – Sono stati attivati a fine 2022, dopo la realizzazione delle opere stradali di messa in sicurezza, gli impianti semaforici a chiamata in corso IV Novembre (in prossimità dell’attraversamento pedonale di fronte al “Grandis”) e corso Alcide De Gasperi (in prossimità dell’attraversamento pedonale di fronte all’Itis “Delpozzo”).

Passaggio con il rosso. A fronte delle “numerose segnalazioni di pericolosità degli attraversamenti provenienti dalle pattuglie della Polizia Locale e dai cittadini (e dei sinistri avvenuti nel tempo in zona) e delle richieste pervenute da parte dei Comitati di quartiere”, l’Amministrazione comunale ha installato i due impianti semaforici a chiamata dotati anche dei sistemi di sorveglianza di tipo “documentatori di infrazioni” – sorpasso della linea d’arresto a segnale luminoso di stop” (attivi in automatico, senza presidio di agenti)  – e “rilevatori di velocità” (questi ultimi presidiati da agenti di Polizia Locale, quando attivo il servizio di controllo velocità).

In questa prima fase è attiva solo la funzionalità “di chiamata”, per tutto l’arco della giornata (0/24), in modo da aumentare la sicurezza dei pedoni anche nelle ore notturne in cui la visibilità è minore. “Nella seconda fase, presumibilmente a partire dal mese di aprile – spiegano dal Comune – sarà attivato anche il rilevamento delle infrazioni semaforiche per il passaggio con il rosso dei veicoli, inizialmente in modalità sperimentale (e quindi senza l’elevazione di sanzioni, ma solo a fini di test e taratura del sistema) e, successivamente, con l’attivazione delle telecamere per il sanzionamento del mancato rispetto del rosso semaforico”.

Rilevatori di velocità. Per quanto riguarda la modalità “rilevatori di velocità”, la funzionalità sarà attivata esclusivamente con il presidio degli agenti di Polizia Locale, alla stregua dei box già posizionati in molti punti del territorio comunale, e non in modalità “tutor” (ovvero funzionanti anche senza la presenza di operatori di Polizia Locale).

“L’Amministrazione comunale – dichiara l’assessora alla Polizia Locale, Cristina Clerico – persegue da sempre l’obiettivo di incentivare la sicurezza cittadina, con particolare attenzione ai pedoni. Purtroppo, in passato, in quei tratti di strada abbiamo visto gravi incidenti, molto spesso causati dall’eccessiva velocità dei veicoli. Inoltre non si può non considerare la presenza dei due istituti scolastici, fattore che rende necessario mettere in campo soluzioni definitive in grado di garantire la sicurezza dei ragazzi. Adesso attiveremo la fase sperimentale, che ci permetterà di tarare le apparecchiature e valutarne l’efficacia. Quando saremo certi della bontà dell’operazione, e dopo averne dato ampia notizia, attiveremo anche la rilevazione automatica delle infrazioni. Mi preme sottolineare che la finalità non è quella di fare multe, ma aumentare la sicurezza dei pedoni, semplificando al tempo stesso l’attività degli agenti”.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente