La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 16 giugno 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Non voleva quella relazione per la figlia, condannato per lesioni

Vittima della vicenda una giovane che ora convive con quel ragazzo, dopo essere scappata di casa

La Guida - Non voleva quella relazione per la figlia, condannato per lesioni

Cuneo – I genitori avevano scoperto che la figlia aveva una relazione con un ragazzo italiano e per questo motivo l’avevano chiusa in casa impedendole di uscire e di avere anche contatti telefonici con le amiche. Il fatto si è verificato a Cuneo nell’estate 2021 e riguarda una ragazza di origini marocchine oggi 22enne che, dal giorno della fuga da casa e della denuncia del padre e del fratello – M. A. di 58 anni e M. A. di 23 anni – per lesioni aggravate e violenza privata, vive con il fidanzato e non ha più rapporti con i familiari.
“Avevano scoperto che ero fidanzata con un ragazzo italiano e dopo la fine della scuola non mi fecero più uscire, mio padre mi aveva preso il telefono perché non voleva che avessi contatti ed era arrivato a portarmi da mangiare in camera”, ha riferito in aula la giovane, che alla giudice ha detto anche di voler ritirare la querela relativa alla violenza privata nei confronti del padre e del fratello; restava però in piedi la denuncia per le lesioni riportate nell’aggressione del 2 agosto e per la quale era imputato il solo padre.
“Quel giorno ho cercato di uscire nonostante il divieto e mio padre e mio fratello hanno cercato di impedirmelo – ha proseguito la ragazza -, mio fratello mi tratteneva mentre mio padre mi strattonava e dava sberle in volto. Tirando il collo della felpa mi ha lasciato dei segni su tutto il collo. Sono comunque riuscita a scappare e sono andata all’ospedale e poi ho denunciato”.
In aula ha anche testimoniato il fidanzato della parte offesa, confermando l’atteggiamento ostile dei parenti di lei quando vennero a sapere che la figlia aveva una relazione con un ragazzo italiano: “Inizialmente ci aveva fatti seguire da un amico che arrivò a minacciarmi sostenendo che la ragazza era promessa a suo figlio che stava in Marocco e che se avessi continuato a vederla mi avrebbe tagliato la gola”.
Per l’accusa, sostenuta dal pubblico ministero Raffaele Delpui, il reato di lesioni – provato oltre che dalle testimonianze del fidanzato e di un’amica che la soccorsero dopo la fuga, anche dal certificato medico rilasciato dall’ospedale – andava punito con una pena di sei mesi di reclusione, richiesta accolta dalla giudice, che ha concesso anche la sospensione condizionale e la non menzione della condanna.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente