La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 20 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Cerca di riscuotere una bolletta, condannato per tentata truffa

Il fattorino di una ditta che aveva consegnato la raccomandata si è presentato a casa dell'anziano il giorno successivo

La Guida - Cerca di riscuotere una bolletta, condannato per tentata truffa

Cuneo – Si è concluso con una condanna a sette mesi di reclusione il processo a S. V., accusato di tentata truffa e violazione di domicilio ai danni di un anziano cuneese. L’uomo, fattorino per conto di una ditta di spedizioni di Cuneo, a novembre 2020 aveva preso in carico la consegna di una raccomandata. Effettuata la consegna, il fattorino si ripresentò il giorno successivo a casa dell’uomo per farsi consegnare i soldi della raccomandata, il sollecito di pagamento di una bolletta telefonica. In aula l’agente della Questura di Cuneo aveva raccontato di essere intervenuto a casa del signore che si era allarmato per il modo di fare del fattorino e aveva subito avvisato le forze dell’ordine: “Ci disse che cercava insistentemente di entrare in casa e che gli aveva fatto un sacco di domande”. Con la raccomandata in mano, gli agenti si recarono dal titolare della ditta di spedizioni di Cuneo per capire che cosa fosse successo e il titolare disse loro quanto poi ribadito in aula, e cioè che nessuno dei suoi fattorini aveva il diritto di chiedere soldi. In aula ha anche detto che dal tracciamento sul tablet in dotazione a ogni dipendente, risultava che quella raccomandata era effettivamente stata consegnata da S. V., che però il giorno successivo non avrebbe neanche dovuto trovarsi nella zona in cui abitava quel signore, dato che gli era stata assegnata un’altra area per le consegne. Nel corso dell’istruttoria è stata acquisita la denuncia della parte offesa, un anziano malato e impossibilitato a muoversi da casa, e a conclusione del processo, a fronte di una richiesta di condanna del pubblico ministero a sei mesi, la giudice ha condannato l’imputato a sette mesi di reclusione.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente