La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 19 giugno 2019

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Dronero, spara durante una lite tra vicini e ferisce il cognato

Una discussione animata tra due famiglie, spunta un revolver: tragedia sfiorata in un cascinale, un 28enne arrestato

La Guida - Dronero, spara durante una lite tra vicini e ferisce il cognato

Dronero – Una lite degenerata, con il rischio di finire in tragedia: due persone ferite, di cui una in condizioni gravissime, e un arresto per tentato omicidio aggravato e porto ingiustificato di arma da fuoco. È successo intorno alle 17.30 di ieri (domenica 19 maggio) a Dronero, in una zona di campagna verso Villar San Costanzo, nel cortile di un cascinale ristrutturato, con alcuni alloggi. La ricostruzione, effettuata fino a tarda notte dai Carabinieri di Cuneo (coordinati dal ten. col. Marco Pettinato, comandante del nucleo operativo, e dal luogotenente Ignazio Palmas, nella foto), ha fatto chiarezza sulla dinamica dell’accaduto, anche se alcuni elementi richiedono ulteriori accertamenti.
Protagoniste dell’accaduto due famiglie, una italiana e una di origine albanese. Nel tardo pomeriggio di domenica, un 37enne di origine albanese è tornato a casa in auto, con la moglie 33enne e i tre figli minori: in quel momento, un componente dell’altra famiglia, un 29enne italiano, stava orinando contro un muro degli spazi comuni. Ne è sorta una discussione (tra i due nuclei i rapporti non erano buoni, per questioni di vicinato, dalla gestione degli spazi comuni alle aree verdi), che è subito divenuta animata.
A quel punto l’italiano coinvolto nel diverbio si è portato la mano alla gola e ha cominciato a perdere sangue, mentre la donna albanese ha sentito un dolore al braccio destro: si sono uditi tre colpi di arma da fuoco, secondo le testimonianze raccolte, di cui due ad altezza uomo hanno ferito altrettante persone. A sparare è stato il cognato dell’italiano, un 28enne che poi (interrogato nella notte, come disposto dal sostituto procuratore Chiara Canepa) ha ammesso le proprie responsabilità: ha riferito di aver esploso i colpi per spaventare i due e interrompere la rissa.
Nella concitazione seguita al ferimento, l’uomo che aveva appena sparato ha caricato in auto il cognato e la sorella per recarsi subito in ospedale; intanto sono stati chiamati i soccorsi, l’auto e l’ambulanza si sono incontrate a San Rocco Bernezzo per cercare di stabilizzare le condizioni del ferito, che stava perdendo molto sangue, e renderne più rapido il trasferimento al Santa Croce. Il 29enne è stato subito operato per l’estrazione del proiettile: le sue condizioni sarebbero stazionarie.
Intanto, i Carabinieri hanno raccolto elementi dalle due famiglie per ricostruire i fatti. L’uomo che ha sparato, senza porto d’armi, ha fatto ritrovare la pistola che aveva nascosto in un campo a San Rocco. Si tratta di un vecchio revolver, efficiente, che il giovane aveva con sé in quel momento: ne ha giustificato il possesso dicendo di averlo trovato, sulla provenienza sono in corso accertamenti. Vista la gravità degli indizi raccolti, oltre all’arresto potrebbe scattare una misura cautelare nei suoi confronti.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.