La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 26 marzo 2019

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

L’autoritarismo del muto volere collettivo

Elio Germano sarà al Toselli giovedì 14 marzo alle 21 con “La mia battaglia” uno spettacolo su nazionalismi e suprematismi

La Guida - L’autoritarismo del muto volere collettivo

Cuneo – Elio Germano è uno degli attori cinematografici più amati dal pubblico ma giovedì 14 marzo alle 21 a Cuneo è sul palco del Toselli per uno spettacolo che ha scritto (con Chiara Lagani), diretto e interpretato, “La mia battaglia”.
Un attore, durante uno spettacolo di intrattenimento, su un palcoscenico spoglio dove regna il bianco, manipola gli spettatori vestendo i panni e i toni del ragazzo della porta accanto, inizia a compiacere sempre di più il pubblico che lo riconosce quasi come uno di loro e inizia ad applaudirlo, fino a giungere, al termine del suo show, a una drammatica imprevedibile svolta. Ogni parola, ogni frase presa a prestito dalla quotidianità raccontata dalla tv e da un certo giornalismo viene infilata fra le righe persuasive che diverranno via via sempre più dittatoriali. L’infervorarsi per le tematiche cresce e lui si fa portatore di un muto volere collettivo e da piacione che gode comunque di una certa autorevolezza l’artista diventa sempre più autoritario. Se fino a poco fa poteva essere non chiaro, ora ci si rende ben conto di trovarsi in mezzo a un comizio e di stampo fascista. Appellandosi alla necessità di resuscitare una società agonizzante, tra istanze ecologiste, nazionaliste, socialiste, planetarie e solitarie, mutuali e solidali, tra aneddoti e proclami, trascinerà il pubblico a una straniata sospensione tragica fino a condurlo a una terribile conseguenza finale. Ci si trova seduti in mezzo a una platea che applaude qualcosa che via via assume chiaramente la sembianza di un delirante manifesto suprematista, nazionalista, autoritario del “prima i nostri”. Un messaggio chiaro di un’attualità incredibile e un monito. Mentre i toni che inneggiano alle paure e ai sentimenti ostili sono sempre più forti e violenti, gli spazi del dialogo a voce bassa si riducono.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

O