La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 24 aprile 2019

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Piante da tartufo, la Regione sostiene chi mantiene i boschi

Contributi di 24 euro per pianta, in modo da valorizzare il patrimonio tartufigeno piemontese

Cuneo – Un aiuto all’ambiente attraverso incentivi per le piante da tartufo, per conservare e valorizzare il patrimonio tartufigeno piemontese: lo ha deciso la Regione, attraverso uno stanziamento di 415.000 euro, per assegnare 24 euro per ogni pianta (fino a un massimo di 25 per ettaro) sotto cui, negli ultimi tre anni, è stato raccolto un esemplare di “Tuber magnatum”. Si tratta di alcune specie di querce, pioppi, salici, tigli, carpini e nocciolo, per cui è riconosciuta la capacità di favorire la crescita dei tartufi bianchi. Possono presentare richiesta, entro il 18 febbraio, i proprietari dei terreni o quanti conducono le superfici boschive interessate: i beneficiari si impegnano a mantenere le aree per almeno cinque anni secondo un piano di coltura e conservazione, permettendo al tempo stesso la libera raccolta del “Tuber” ai cercatori muniti di tesserino.
“Difendere le piante tartufigene e  mantenere l’habitat naturale – sottolinea l’assessore regionale all’ambiente Alberto Valmaggia, che ha la delega alla tartuficoltura – è fondamentale per salvaguardare la produzione dei tartufi bianchi. Questi, a differenza di quelli neri, non sono riproducibili in vivaio: quindi, è fondamentale mantenere l’ambiente naturale nel quale si sviluppano”.
Lo scorso anno sono stati 1.120 i tartuficoltori che hanno presentato la domanda di contributo, di cui 338 dalla provincia di Cuneo; 1051 quelle ammesse, di cui 312 dal cuneese, corrispondenti a 6.456 piante (quasi la metà del totale regionale), con il ruolo forte delle Langhe (nella foto).

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

O