La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 21 febbraio 2019

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

“Segnale Rai: segnali di speranza?”, convegno lunedì 28 a Cuneo

Capire la situazione del segnale Rai regionale in Granda: in certe zone di montagna, uno su sette non lo riceve

Cuneo – “Segnale Rai: segnali di speranza?” è il titolo del convegno che la Provincia ospita lunedì 28 gennaio alle 10.30 in Sala Giolitti, a cura di Corecom (Comitato regionale per le comunicazioni), Uncem e Anci con il presidente Federico Borgna e Francesco Graglia, vicepresidente del consiglio regionale del Piemonte. Tra gli interventi Marco Bussone, presidente nazionale Uncem; Michele Pianetta, vicepresidente Anci Piemonte; Roberto Serafini, Arturo Baglioni e Valerio Santoro (Servizi broadcast e gestione frequenze Rai); Ezio Torasso, responsabile Piemonte per Rai Way; Stefano Cuppi, presidente Corecom Emilia Romagna; Alessandro De Cillis, presidente del Corecom Piemonte.
Dal 2011 il Corecom Piemonte ha avviato tre indagini per rilevare la situazione della qualità percepita del segnale Rai sul territorio regionale: le aree più critiche sono nelle zone alpine, dove è difficile ottenere una copertura omogenea. Dagli ultimi dati risulta che, tra la popolazione finora interessata dall’indagine, circa il 14% non riceve il segnale Rai regionale: niente tg regionale, quindi, per un piemontese su sette, nelle aree considerate.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.