La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 26 giugno 2019

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Cuneo, l’imposta di soggiorno per la promozione turistica

Il Comune: "Nel primo trimestre 44.800 euro, serviranno per potenziare eventi e campagne promozionali"

Cuneo – L’imposta di soggiorno e le sue finalità ora sono ufficiali anche per il capoluogo provinciale: l’amministrazione comunale informa che è stata approvata dalla giunta la delibera per la destinazione per il 2019 dei proventi di questi importi: “La quota riferita al primo trimestre di applicazione è risultata pari a 44.800 euro che, come previsto dal relativo regolamento comunale e in accordo con le associazioni di categoria interessate (albergatori, Confcommercio, Conitour e Atl del Cuneese), sarà destinata ad attività di promozione turistica della città. In particolare la somma sarà utilizzata per potenziare l’organizzazione di eventi già in essere e crearne di nuovi, studiare campagne promozionali, proporre pacchetti turistici, produrre materiale promozionale (dépliant, cartine, volantini…), monitorare i flussi dei visitatori e valorizzare percorsi tematici cittadini”.
“Con le associazioni di categoria – afferma Luca Serale, assessore alle attività produttive e al turismo – sono stati organizzati alcuni tavoli di lavoro che proseguiranno anche in futuro quando si avrà la certezza dell’introito annuale incassato. Un primo passo a tre mesi dall’entrata in vigore, ma l’avvio di un importante percorso di condivisione tra soggetti che hanno un obiettivo comune: promuovere maggiormente la nostra città”.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.