La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 15 dicembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Visto con voi: Sgarbi a “Scrittorincittà”

Il noto critico d’arte ha presentato al Toselli di Cuneo il suo nuovo libro che evoca tanti artisti dimenticati della prima metà del Novecento

Cuneo – Vittorio Sgarbi è un personaggio tanto celebre quanto divisivo: amato e detestato in egual misura. Data questa premessa è naturale che, il 14 novembre, in occasione del suo ritorno a Cuneo per l’apertura di “Scrittorincittà”, il Teatro Toselli fosse pieno di suoi ammiratori mentre, se c’erano anche dei suoi detrattori, non si sono fatti notare.

Anche se non sono mancati all’inizio battute, provocazioni, boutade e/o commenti sarcastici, il tema dell’incontro non era però la politica italiana ma il nuovo libro, “Il Novecento. Volume I. Dal Futurismo al Neorealismo”, presentato in anteprima nazionale. Non solo: al Toselli era possibile acquistarne delle copie, nello stupore di Sgarbi a cui la sorella Elisabetta (boss della Nave di Teseo che pubblica il testo) aveva assicurato che purtroppo, al momento, nessuna copia era ancora disponibile.

Aiutato dalla proiezione di numerose delle molte riproduzioni di quadri e sculture che illustrano il lavoro, il critico ha illustrato in concreto la sua idea di riscrivere la storia dell’arte italiana del ‘900, non caratterizzandola più come un susseguirsi di scuole, gruppi o movimenti, ma come un insieme di individui che orgogliosamente hanno sviluppato percorsi personali non sempre premiati dalla fama. Accanto ad artisti celebrati come Balla, De Chirico, Carrà o Guttuso, infatti, andrebbero rievocati secondo lui tanti artisti mai veramente capiti o più spesso “travolti o puniti dalla storia”.

E così le sue parole hanno illustrato al pubblico opere bellissime di artisti ai più sconosciuti e/o solo da poco riscoperti come Adolfo Wildt (1868-1931), Brancaleone Cugusi (1903-1942) o Marco Cavaglieri (1887-1969), la cui “Piccola Russa” del 1919-1920 è davvero folgorante (vedi foto). Oppure Giulio Aristide Sartorio (1860-1932), autore del fregio simbolista della (da poco centenaria) Aula di Montecitorio, o lo stesso figlio di Pirandello, Fausto (1899-1975), che sembra anticipare lo stile nervoso di Lucian Freud.

O ancora Virgilio Guidi (1891-1984), Scipione (1904-1933), Cagnaccio di San Pietro (1897-1946) o la stessa sorella di Alberto Moravia, Adriana Pincherle (1905-1996).

Una serata di rivelazioni.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.