La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 10 dicembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Il perverso meccanismo del consumare

Questa sera mercoledì 28 novembre al Toselli una elegante presa in giro di quei poteri forti dell’economia globale

La Guida - Il perverso meccanismo del consumare

Cuneo – “PhoebusKartell”, o Cartello Phoebus, è il nome di un accordo stipulato a Ginevra nel dicembre 1924 dai principali produttori di bulbi a incandescenza, che si erano riuniti segretamente per controllare il mercato mondiale delle lampadine e la loro produzione e vendita. Stabilirono quindi di ridurre la vita delle lampadine da 2500 a 1000 ore. Lo scopo era chiaro: produrre lampadine di peggiore qualità (o, comunque, di durata minore) obbligando di fatto il consumatore ad acquistarne nuove con una maggiore frequenza. Nel 1924 nasce quindi il primo cartello economico formato dai principali produttori europei e americani durato tre lustri che dà vita al fenomeno noto come “Obsolescenza programmata” o “pianificata”.
Tutto questo è diventato incredibilmente uno spettacolo teatrale affrontando una materia complessa con toni lievi e a tratti quasi comici, di e con Gabriele Genovese, Giancarlo Latìna, Michele Mariniello, Marco Rizzo, Matteo Vignati, Alfonso De Vreese per la regia di Michele Segreto che va in scena al Toselli oggi mercoledì 28 novembre alle ore 21 con musiche originali da Kurt Weill e Hanns Eisler. Gli attori si alternano tra imprenditori cinici e calcolatori amplificando notevolmente i loro difetti portati all’esasperazione, e operai semplici che obbediscono al padrone e fanno il loro lavoro, chiamati non a caso da Numero 1 a Numero 6 come se l’ingranaggio di chapliniana  memoria non possa essere mai e poi mai bloccato e svuoti anche l’anima facendo perdere anche il nome, in una società nella quale il dissenso non è ammesso. Una elegante presa in giro di quei poteri forti dell’economia globale spesso capaci di definire in anticipo i destini del mondo, ma anche un’amara constatazione dei meccanismi di consumismo e globalizzazione contro cui sembra impossibile ribellarsi.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.