La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 15 dicembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Barge, i cittadini sostengono il teleriscaldamento. E ci guadagnano

Progetto di finanziamento collettivo per centrale e rete, con rendimenti fino al 7%. Economia e ambiente insieme

Barge – Un’iniziativa che si ispira al sociale per dare nuova energia al territorio, con un ritorno concreto per i cittadini che dimostrano di crederci: Edison, società del colosso energetico, ha lanciato per Barge un progetto di “crowdfunding” – finanziamento collettivo – finalizzato al teleriscaldamento.
Il paese della valle Po avrà la sua centrale di teleriscaldamento a biomassa legnosa e la rete di distribuzione, accompagnata da un progetto di partecipazione e coinvolgimento dei cittadini, che potranno così contribuire alla transizione energetica del loro paese, con il passaggio a fonti energetiche più pulite, e al tempo stesso ottenere un guadagno economico. Si può partecipare con quote da 100 a 4.000 euro, fino all’importo totale di 100.000 euro: i finanziatori privati otterranno un tasso annuo lordo del 7% se residenti a Barge; del 5% se residenti in altri Comuni italiani e titolari di un contratto gas, luce o servizi con Edison Energia; del 3% per tutti gli altri soggetti. L’offerta è stata presentata anche con un volantino in italiano e in cinese, vista la rilevanza di quella comunità nella zona.

 

 

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.