La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Venerdì 16 novembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Infrastrutture, le Regioni chiedono a Toninelli di salvaguardare le opere a carico di Autostrade

Emilia Romagna, Lombardi, Veneto e Piemonte scrivono al ministro per salvaguardare le opere già avviate o programmate nelle quattro regioni a carico di società Autostrade. In ballo oltre 3 miliardi di euro

La Guida - Infrastrutture, le Regioni chiedono a Toninelli di salvaguardare le opere a carico di Autostrade

Bologna – Emilia-Romagna, Lombardia, Veneto e Piemonte dicono no alla eventuale messa in discussione di strade, autostrade e collegamenti per un valore di oltre 3 miliardi di euro. La dichiarata intenzione, da parte del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, di revocare la concessione autostradale a Società Autostrade per l’Italia (Aspi), che si era impegnata a destinare quella cifra – 3.2 miliardi, di cui circa un miliardo per lavori già avviati o da avviare, e il resto per progetti in corso di approvazione – per realizzare opere già condivise con i territori, non deve mettere a rischio il potenziamento infrastrutturale.

Per questo gli assessori alle infrastrutture delle quattro Regioni, Claudia Maria Terzi per la Lombardia, Elisa De Berti per il Veneto, Francesco Balocco per il Piemonte e Raffaele Donini per l’Emilia-Romagna, hanno deciso di rivolgersi direttamente al ministro Toninelli per avere rassicurazioni sui lavori.

In particolare, scrivono gli assessori, “si tratta di impegni già assunti ufficialmente e formalmente, che riguardano: lavori già avviati, per i quali deve essere assicurata la continuità dell’erogazione dei finanziamenti, previsti in genere per stati di avanzamento; lavori ancora da avviare, ma per i quali sussiste da tempo l’impegno finanziario di Aspi, riscontrabile, come detto, dagli atti approvativi delle opere o da convenzioni sottoscritte; progetti già ad un avanzato stadio approvativo, per i quali cioè è in fase di conclusione la Via (Valutazione di impatto ambientale, ndr) o addirittura è stato approvato il progetto definitivo ed è già stato predisposto l’esecutivo, previsti dalla Convenzione Unica fra Aspi e Stato agli artt. 14 o 15”.

Quindi, concludono gli assessori, “chiediamo che il Ministero assicuri la certezza dei finanziamenti necessari a garantire la realizzazione o il completamento delle opere attese dal territorio, derivanti dagli impegni pregressi di Aspi”.

 

 

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.