La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 17 novembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Nuovo ospedale, la maggioranza: “Non abbiamo perso il treno”

La replica del Comune al consigliere regionale Mauro Campo che accusa l'assessore di "voli pindarici"

La Guida - Nuovo ospedale, la maggioranza: “Non abbiamo perso il treno”

Cuneo – La maggioranza dell’amministrazione comunale risponde al consigliere regionale Mauro Campo, che accusa l’assessore regionale alla sanità Antonio Saitta di aver “spento le speranze cuneesi di vedersi finanziare un nuovo ospedale a breve affermando di non essere lì a garantirne il finanziamento”.

Ecco la risposta delle liste che sostengono il sindaco Federico Borgna.

“È con stupore e anche con un po’ di rammarico che, come maggioranza, leggiamo le dichiarazioni che il consigliere regionale, del Movimento Cinque Stelle, Mauro Campo ha rilasciato rispetto a quanto riferito dall’assessore regionale alla Sanità, Antonio Saitta, nella commissione speciale sul nuovo Ospedale Santa Croce e Carle, che si è tenuta a Cuneo lunedì 15 ottobre.

Nel suo intervento, infatti, l’assessore regionale ha spiegato alla commissione e ai diversi sindaci del territorio alcune questioni molto importanti e altrettanto chiare:

di nuovo ospedale a Cuneo se ne parla da molto tempo, in particolare, nei primi anni 2000 si fecero studi ma che poi non portarono a nulla di concreto;

che il territorio non ha perso il treno, come ci vuol far credere il consigliere Campo, ma che deve lavorare per arrivare a dire alla Regione cosa vuole: nuovo ospedale si – nuovo ospedale no, e, nel caso si propenda per il si, l’amministrazione comunale di Cuneo, in particolare, vada ad indicare l’area dove costruirlo;

che una volta indicata l’area dove collocare il nuovo ospedale, la Regione partirà con lo studio di fattibilità, strumento indispensabile non solo per richiedere i finanziamenti ma per valutare la sostenibilità dell’opera stessa;

in modo altrettanto schietto, parlando di finanziamenti, non ha fatto voli pindarici, ma ha evidenziato come, solo una volta preparato lo studio di fattibilità, si potrebbe fare richiesta di un finanziamento al ministero;

sull’entità di tale finanziamento, in modo corretto, non ha giustamente fatto previsioni ma ha declinato diverse ipotesi tra cui anche il ricorso ad una parte di finanziamento privato nel caso non si arrivasse ad ottenere un finanziamento totale dal ministero.

Parlare di questi temi e in questi termini, noi non crediamo affatto sia togliere le speranze al territorio, anzi, a parere nostro rappresenta più un incentivo allo stesso per dire di andare avanti spediti senza indugiare, soprattutto se si vuole raggiungere l’obiettivo. Forse abbiamo partecipato a due commissioni diverse, oppure, la lettura, che in questo caso diventa quasi interpretazione, che viene data alle parole oneste, chiare e competenti (e non da “vecchia volpe” della politica) dell’assessore, sono frutto di una situazione diversa, che si chiama campagna elettorale per la Regione Piemonte: se così fosse, non sarebbe corretto strumentalizzare un tema delicato come quello della sanità e del nuovo ospedale di Cuneo a fini elettorali, comunicando alla cittadinanza poche e incomplete informazioni. Il nostro auspicio è invece quello che non solo come maggioranza, ma come forze politiche a cui sta a cuore il territorio, su alcuni temi fondamentali si trovi una sintesi il più possibile condivisa (evitando così di mettere le proprie bandierine), e il tema nuovo ospedale a Cuneo per noi è uno di questi”.

Le forze che compongono la maggioranza

dell’amministrazione comunale di Cuneo:

Centro per Cuneo, Crescere Insieme,

Cuneo Solidale Democratica, Moderati,

Partito Democratico

 

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.