La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 13 dicembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Beethoven e Brahms per un trio inedito

I docenti del Ghedini, Mazzone, Di Tonno e Leonardi in concerto giovedì 13 settembre

Cuneo – Giovedì 13 settembre alle 21, la sala concerti “Giovanni Mosca” del Conservatorio Ghedini ospita il concerto del trio composto dai docenti dell’istituto musicale cuneese, Massimo Mazzone, Jacopo Di Tonno e Francesca Leonardi (clarinetto, violoncello e pianoforte), che per la prima volta salgono insieme sul palcoscenico. I tre concertisti hanno scelto per il programma due monumenti della musica da camera: il Trio op.11 di Beethoven e il Trio op.114 di Brahms. Scritti a circa cent’anni di distanza l’uno dall’altro (1798 il primo, 1891 il secondo) i due componimenti hanno caratteristiche peculiari dei rispettivi periodi storici. Sereno, garbato il primo, caratterizzato da un adagio morbido e cantabile e da un allegretto finale frizzante; elegiaco, contemplativo il lavoro brahmsiano, frutto prezioso della maturità dell’artista, insieme a “chicche” come ad esempio l’op.118 per pianoforte. Ingresso  libero fino ad esaurimento posti. 

Prossimo appuntamento al Conservatorio sabato 20 settembre: nella sala Mosca si esibirà la “delegazione” fossanese formata dagli allievi di canto lirico della Fondazione Fossano Musica.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.