La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 19 dicembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Sant’Anna di Vinadio, mostra di immagini per ricordare Lidio

Una raccolta permanente di fotografie e parole dedicate al "randiere", che per oltre mezzo secolo ha accolto i pellegrini al Santuario più alto d'Europa

Sant’Anna di Vinadio – Domenica 9 settembre alle 12 viene inaugurata una piccola mostra fotografica permanente dedicata alla memoria di Lidio Giraudo, scomparso nel 2006, che per più di cinquant’anni ha svolto al santuario l’attività di “randiere”, generoso custode del santuario. Dopo l’inaugurazione, verrà celebrata la Messa all’aperto davanti al vecchio bar del “Randiere”, seguita da un rinfresco offerto dalla moglie e dai figli di Lidio.
Lidio e la sua famiglia, infatti, per mezzo secolo sono stati punto di riferimento per migliaia di pellegrini che ogni anno sono saliti e continuano a salire a Sant’Anna. Chi ha conosciuto Lidio lo ricorda come uomo umile, tenace, accogliente, onesto e laborioso. La sua storia, già ricordata qualche anno fa in un libro da Antonella Saracco, viene fissata con parole e immagini sui pannelli esposti sul sentiero lungo il giardino delle regine delle Alpi, seminate negli anni Ottanta proprio dal “randiere” e che brillano ogni anno d’estate ai piedi della vecchia casa che ospitò la famiglia Giraudo.

Lidio Giraudo, per 53 anni "randiere" a Sant'Anna di Vinadio

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.