La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 17 ottobre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Conferiti gli incarichi di reggenza nelle scuole cuneesi

Su 88 istituti scolastici in provincia di Cuneo, ben 36 sono privi di titolare

Cuneo – Alla vigilia dell’inizio dell’anno scolastico, l’ufficio scolastico regionale ha conferito gli incarichi di reggenza (l’elenco è consultabile al link http://www.istruzionepiemonte.it/wp-content/uploads/2018/08/Reggenze-2018_2019.pdf). Vale la pena ricordare che non si tratta di un fenomeno marginale: su 88 istituti scolastici in provincia di Cuneo, ben 36 sono privi di titolare. Questo significa che 72 scuole su 88 dovranno fare i conti con un preside a mezzo servizio.
A fronte di una penuria ormai strutturale  di dirigenti scolastici – che si trascina da qualche anno – in molti casi la nomina dei reggenti risulta paradossalmente più una conferma che una novità. Sono infatti state confermate le reggenze di Boves (Bianca Anigello), Busca (Davide Martini), Cuneo Oltrestura (Mariella Rulfi), Cuneo Angeli (Patrizia Venditti), Dronero (Enrica Vincenti), Morozzo (Daniela Calandri) e Robilante (Paolo Cattero).
Cambio della guardia soltanto a Demonte, dove la reggenza di Luciana Ortu subentra a quella di Franco Bruna, quest’anno reggente dell’Istituto di Verzuolo.
Per quanto riguarda le scuole superiori di Cuneo, si profilano le conferme della reggenza di Ivan Re per l’istituto Bianchi – Virginio e un nuovo incarico: quello di Alessandro Parola, dirigente del liceo Peano Pellico, che subentra a Paolo Romeo nella reggenza dell’istituto Grandis.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.