La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 12 dicembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

76enne albese muore in alta valle Stura

La vittima, Giuseppe Bosio, ex idraulico e socio Cai, è deceduto mercoledì 22 durante un'escursione sulla Serra dell’Autaret

Valle Stura – La passione per la montagna ha fatto un’altra vittima in Granda: nella giornata di mercoledì 22 un uomo albee di 76 anni, Giuseppe Bosio,  ha perso la vita in alta valle Stura, a circa 2.500 metri, sulla Serra dell’Autaret, che separa i valloni della Guercia e di Collalunga, nel territorio comunale di Vinadio. L’escursionista era con altre due persone, rimaste illese, che hanno chiamato i soccorsi, intorno alle 11.30. È intervenuto l’elicottero del 118, ma il personale sanitario non ha potuto far altro che costatare il decesso dell’uomo. Per gli altri due escursionisti, uno è stato prelevato dall’elicottero mentre era in parete; l’altro ha proseguito a piedi la discesa.

Ex idraulico e socio Cai, era un grande amante della montagna: lo scorso anno si era fatto carico del restauro del fabbricato di una vecchia casermetta militare che sorge tra il Lago della Vacca e il Colle ovest del Sabbione poi inaugurata nel mese di agosto come Bivacco Speranza. Così spiegava la sua passione in quell’occasione: “La montagna da quando sono andato in pensione mi ha dato tanto, per questo, per alcuni anni, ho avuto il desiderio di fare un bivacco in Valle Gesso. Ho scelto il nome ‘speranza’ per più motivi e perché mi auguro che la mia sezione del Cai si faccia carico in futuro di mantenere in buone condizioni la struttura”. 

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.