La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 15 ottobre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

A Cuneo la manifestazione dei braccianti agricoli

I lavoratori chiedono condizioni abitative dignitose ed il rispetto delle norme contrattuali vigenti

Cuneo – È indetta per domani, sabato 21 luglio alle 10, la grande manifestazione che vedrà riunirsi in piazza Galimberti a Cuneo i braccianti del settore agricolo cuneese che chiedono il pieno rispetto delle norme contrattuali vigenti e sistemazioni abitative dignitose.
L’iniziativa è promossa dal Coordinamento lavoratori agricoli Usb Piemonte, dal Comitato Antirazzista Saluzzese, dall’Ari (Associazione rurale italiana), da Carovane migranti, dalla Cispm (Coalizione internazionale sans-papiers, migranti, rifugiati e richiedenti asilo), dal Movimento Migranti e Rifugiati, dall’Usb (Unione sindacale di base) Torino e da Emmaus.
“Il profitto che genera la filiera agricola – spiegano i promotori dell’iniziativa – non trova riscontro nella condizione degli operai agricoli in termini di riconoscimento a pieno dei diritti sindacali e sociali, perché il settore continua a subire le imposizioni della Grande distribuzione organizzata. A fronte di questi evidenti problemi, abbiamo deciso di manifestare per rivendicare quanto ci spetta in termini sia di salario sia di diritti sindacali e sociali, a prescindere dalla nazionalità e dal colore della pelle: sistemazioni dignitose, il miglioramento delle condizioni abitative per le persone ospitate all’interno dell’ex caserma Filippi a Saluzzo (servizi adeguati al numero di persone, acqua calda…) ed il pieno rispetto delle norme contrattuali”.
Tutt’oggi sarebbero oltre duecento i lavoratori stagionali impiegati nelle aziende agricole del Saluzzese costretti a dormire all’addiaccio al Foro Boario di Saluzzo, senz’acqua, né bagni né elettricità, “ a fronte – concludono gli organizzatori – di una dotazione finanziaria comunitaria di cui è titolare la Regione Piemonte pari a oltre 1 miliardo di euro per il Piano di Sviluppo Rurale Piemonte 2014 – 2020. Risorse che dovrebbero servire anche all’inclusione sociale, alla riduzione delle povertà e allo sviluppo economico delle aree rurali,  e che noi riteniamo debbano essere erogate solo a chi realmente rispetta le norme contrattuali”.

 

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.