La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 10 dicembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

La Casa del fiume cresce e sarà ampliata

L'ampliamento della struttura del Parco Fluviale Gesso e Stura sarà finanziato con i fondi dell'Agenda urbana e del Comune. Sarà realizzata anche una serra solare

La Guida - La Casa del fiume cresce e sarà ampliata

Cuneo – Con i fondi europei dell’Agenda urbana, e per il 20% della spesa con fondi propri, il Comune intende realizzare entro fine anno  l’ampliamento della Casa del Fiume del Parco Fluviale, e la sua ristrutturazione ai fini dell’efficientamento energetico. Il progetto esecutivo dell’intervento, dal costo stimato in 450.000 euro, è già stato approvato e i lavori dovrebbero essere realizzati in autunno. L’intervento si propone di potenziare la struttura nelle sue già buone condizioni energetiche, con la realizzazione di una “serra solare” di ingresso che permetterà delle performance di alta efficienza energetica e contestualmente l’ampliamento degli spazi. 

Casa del Fiume

I progettisti hanno infatti ripensato la struttura su due piani, con l’introduzione della  serra solare – che diventerebbe il piano terra della casa – e di tre nuove stanze, collegate tra loro. Una volta terminate, le nuove parti della Casa del Fiume saranno contigue a quelle esistenti con il minor impatto possibile sull’ambiente del Parco Fluviale. 

Casa del fiume 2

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.