La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 22 luglio 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Problemi sulla strada del Santuario di Valmala

Crepe sull'asfalto e un pericoloso avvallamento. I tecnici della Provincia monitorano la situazione

Crepe sull'asfalto e avvallamenti sulla strada provinciale per Valmala

 

Valmala – La frequentata strada provinciale che conduce al noto Santuario mariano della Madonna della Misericordia di Valmala ha qualche serio problema.
Il ristoratore Faustino Michelis, già sindaco di Valmala: “Qui a borgata Chiesa la situazione è preoccupante. Già negli anni passati c’era stato un movimento franoso e l’impresa era intervenuta. Oggi sono ben visibili crepe sull’asfalto e un avvallamento pericoloso che si è creato. Il muro sottostante è pericolante e se cedesse ci sarebbero problemi seri per le case, per il Municipio e anche per la trattoria nostra. Siamo preoccupati e ci auguriamo che la Provincia intervenga al più presto, prima delle piogge autunnali”.
Il vicepresidente dell’amministrazione provinciale di Cuneo, Flavio Manavella: “I tecnici della Provincia conoscono il problema, stanno monitorando il tutto e stanno studiando la soluzione tecnica per risolvere i problemi. Non sarà purtroppo un intervento a basso costo e occorrerà reperire le necessarie risorse. Al momento non so dire di più perché l’Ufficio tecnico sta effettuando le valutazioni del caso”.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.