La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 12 novembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Lunedì 9 incontro-dibattito con Sandro Gozi

Appuntamento alle 18 presso il salone de La Guida per parlare delle prospettive italiane nell'Ue

La Guida - Lunedì 9 incontro-dibattito con Sandro Gozi

Cuneo – Dopo Brexit e l’irruzione di Trump sulla scena mondiale l’Unione Europea, ancora ammaccata dalla lunga crisi economica, si trova ad affrontare una crisi politica tra le più gravi della sua storia. La sta provocando l’ondata nazional-populista fuori e dentro i suoi confini e a farne le spese sono la nostra società aperta, il rispetto del diritto internazionale e i migranti rifiutati dai Paesi europei. Tra questi l’Italia in prima fila, dopo le elezioni dello scorso 4 marzo, ma anche altri Paesi UE non scherzano, da quelli di Visegrad, d’intesa con l’Austria, alla vicina Francia e alla Baviera che ne trae occasione per far tremare il governo tedesco.
Il Consiglio europeo del 28-29 giugno ha registrato i disaccordi senza trovare per ora la via verso una soluzione condivisa, con il rischio di indebolire ulteriormente l’UE e di creare nuove tensioni al suo interno.

Di questo e delle prospettive italiane nell’UE si discuterà nell’incontro-dibattito, promosso da Apice in collaborazione con La Guida, con Sandro Gozi, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio per gli Affari europei del governo Gentiloni. Appuntamento a Cuneo in via Bono 5, lunedì 9 luglio, alle 18. 

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.