La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Venerdì 19 ottobre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Da domenica a Cuneo è in vigore l’imposta di soggiorno

Dal 1° luglio i turisti che dormono a Cuneo pagano da 0,5 a 2 per persona e per notte di soggiorno

La Guida - Da domenica a Cuneo è in vigore l’imposta di soggiorno

Cuneo Da domenica 1° luglio entra in vigore sul territorio del Comune di Cuneo l’imposta di soggiorno, istituita dal Consiglio comunale nel marzo del 2018. L’imposta è dovuta dai soggetti non residenti nel Comune di Cuneo, che pernottano nelle strutture ricettive nel territorio comunale e sarà riscossa dal gestore della struttura ricettiva. Il gettito sarà destinato dal Comune a finanziare interventi in materia di turismo. I gestori delle strutture ricettive dovranno richiedere il pagamento dell’imposta entro il periodo di soggiorno di ciascun ospite; riscuotere l’imposta e comunicare al Comune i dati sul’imposta incassata. L’imposta è applicata fino a un massimo di 7 pernottamenti consecutivi per periodo di pagamento e va da 0,5 a 2 per persona e per notte di soggiorno. In particolare, 0,50 euro per ostelli e campeggi, 1 euro per affittacamere, agriturismi, alloggi, alberghi e B&B fino a 2 stelle; 1,50 euro per alberghi a 3 stelle e 2 euro per i 4 stelle. Sono previste esenzioni, ad esempio per minori fino a 12 anni, autisti di pullman e accompagnatori turistici, disabili, malati e chi assiste i degenti e scolaresche.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.