La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 20 ottobre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Fino a domenica sera, a Cuneo la Grande fiera d’estate

In piazza d'Armi con ingresso gratuito, con 700 stand su 20.000 metri quadrati. Nelle prossime settimane si decide il futuro della kermesse

La Guida - Fino a domenica sera, a Cuneo la Grande fiera d’estate

Cuneo – Continua fino a domenica sera l’edizione numero 43 della Grande fiera d’estate, al suo secondo anno di “ritorno” in piazza d’Armi. Ancora quattro giorni per visitare i 700 stand su 20.000 metri quadrati di area espositiva nel parco cittadino, con cinque padiglioni (Tekno, Arredo, Complementi, Piazza del gusto, Expomotor & Outdoor): dalle 17 alle 24 giovedì e venerdì, dalle 15 alle 24 sabato e dalle 10 alle 24 domenica, con ingresso gratuito.
“Ogni anno è una sfida, ma non siamo soli ad affrontarla”, ha detto dopo l’inaugurazione Massimo Barolo, organizzatore della kermesse. Per il prossimo anno, però, sarà davvero una sfida la presenza a Cuneo della Grande fiera d’estate: secondo i progetti dell’amministrazione comunale, infatti, piazza d’Armi è destinata a diventare un parco urbano, come pure ci sono progetti diversi per la caserma Montezemolo. E così difficilmente la 44ª edizione della “Gfe” potrà essere ancora cuneese, dopo due decenni in piazza d’Armi e altrettanti al Miac: nelle prossime settimane gli organizzatori decideranno il suo futuro.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.