La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Venerdì 19 ottobre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Visite guidate al depuratore di Cuneo

Sabato 26 maggio per capire come funziona il ciclo dell'acqua e visitare un impianto che serve 185.000 abitanti

La Guida - Visite guidate al depuratore di Cuneo

Cuneo – Sabato 26 maggio a partire dalle ore 9 porte aperte al depuratore di Cuneo in  via  Basse San Sebastiano 24 con visite guidate. L’iniziativa promossa dall’Acda con l’adesione del  Parco Fluviale Gesso e Stura, è aperta a tutti i cittadini ed è un’occasione per capire come funziona un sistema come quello della fognatura e depurazione che fa parte del ciclo idrico integrato. Una visita che fa seguito a quella dello scorso anno che aveva destato molto interesse con molte richieste. Il depuratore di Cuneo è un sistema all’avanguardia nel trattamento delle acque reflue, serve Cuneo e altri 16 comuni intorno per un totale di 185.000 abitanti. Tutti i cittadini interessati potranno prendere parte a questa iniziativa telefonando in orario ufficio presso l’Acda per prenotare la propria visita.  Gli orari delle visite  sono alle 9 alle 11 e alle 14,30, con un massimo di 25 partecipanti che verranno accompagnate dai tecnici dell’impianto. La durata di ogni visita sarà di circa un’ora e mezza con una  prima parte dedicata alla  presentazione in aula e una seconda dedicata alla visita vera e propria.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.