La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 24 settembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Mondo Acqua: “Bollette in ritardo, nessuna mora”

A causa di alcuni disguidi in fase di spedizione, le fatture potrebbero arrivare scadute

In questi giorni, i cittadini degli otto Comuni in cui il servizio idrico integrato viene gestito da Mondo Acqua Spa si vedranno recapitare la bolletta dell’acqua. A causa di alcune difficoltà nella fase di elaborazione e spedizione del documento, tuttavia, molti clienti potrebbero ricevere la fattura in ritardo rispetto ai termini di pagamento previsti. Un’anomalia di cui il gestore intende scusarsi con tutta la cittadinanza, ma che non deve creare allarmismi.

“Siamo al corrente della situazione – spiegano dagli uffici -, e intendiamo rassicurare i cittadini: alla luce della particolare circostanza creatasi, in via del tutto eccezionale, il gestore non applicherà alcun tipo di mora relativa ai pagamenti in ritardo delle bollette in arrivo in questi giorni”.

Come di consueto, il pagamento potrà essere effettuato presso qualsiasi banca mediante bollettino Mav allegato alla fattura stessa, senza alcun onere a carico del Cliente; mediante domiciliazione bancaria da richiedere alla Mondo Acqua S.p.A. attraverso apposito modulo o presso gli uffici postali mediante bollettino Mav allegato alla fattura stessa, con l’applicazione della commissione di versamento.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.