La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 22 luglio 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Al Toselli “Casa di bambola” di Ibsen

Lo spettacolo in scena sabato 17 marzo, con la regia di Roberto Valerio

Una scena di "Casa di bambola" con Nora in braccio al marito Torvald Helmer

Cuneo – Valentina Sperlì, Roberto Valerio, Michele Nani, Massimo Grigò, Carlotta Viscovo e Debora Pino sono gli interpreti di “Casa di bambola”, il dramma di Henrik Ibsen in scena al Toselli sabato 17 marzo alle 21.
Scritto durante un soggiorno ad Amalfi nel 1879 e rappresentato per la prima volta il 21 dicembre dello stesso anno a Copenaghen, “Casa di bambola” viene qui riproposto dall’Associazione Teatrale Pistoiese in un allestimento che ne mantiene intatta la potenza e la complessa modernità, abitata da personaggi tuttora capaci di parlare alla società contemporanea.
Madre di tre figli piccoli, Nora è sposata con l’avvocato Torvald Helmer, che la considera alla stregua di un grazioso e vivace animale domestico. E in questa gabbia familiare Nora “sembra” felice. In lei alberga, tuttavia, la consapevolezza, sempre repressa, di essere stata relegata dal padre e dal marito in una dimensione di perenne infantilismo e inettitudine. Ella non possiede forse gli strumenti per sottrarsi ai vincoli che la tengono in scacco, ma è comunque tormentata dal desiderio di ribellarsi e anela alla libertà.
Biglietti in vendita al botteghino del Toselli, sabato 17 marzo dalle 17.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.