La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 14 novembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

A Cuneo i migliori specialisti del tennis in carrozzina

Dal 15 al 18 marzo il Tennispark ospita il 19° torneo internazionale Alpi del Mare

La Guida - A Cuneo i migliori specialisti del tennis in carrozzina

Da giovedì 15 a domenica 18 marzo il Palatennis TennisPark comunale in via Parco della Gioventù 2 a Cuneo ospiterà il 19° torneo internazionale “Alpi del Mare – Trofeo Città di Cuneo”, valido per il circuito Wheelchair Tennis Tour e patrocinato dal Senato della Repubblica. L’edizione 2018 della manifestazione organizzata dalla P.a.s.s.o promette grande spettacolo, potendo contare sulla partecipazione di alcuni tra i migliori specialisti al mondo del tennis in carrozzina. Il tabellone maschile principale vede in lizza 16 atleti, testa di serie numero uno è il vincitore dell’edizione 2017, il francese Frederic Cattaneo, attualmente al 13° posto nel ranking mondiale, la lista è chiusa dall’altro transalpino Laurent Giammartini (57°). Nel lotto dei favoriti per la vittoria finale vanno considerati anche gli argentini Agustin Ledesma (16° al mondo) ed Ezequiel Casco (23°), nonché l’olandese Tom Egberink, 18° nel ranking e vincitore dell’edizione 2014, al ritorno a Cuneo dopo un lungo infortunio. Due sono gli italiani inseriti nel tabellone principale, Silviu Culea (51°) e Luca Spano (52°), mentre Ivan Tratter (58°) è la testa di serie numero uno nel secondo tabellone comprensivo di otto atleti. Per la prima volta il tabellone femminile può contare su ben 16 partecipanti: testa di serie numero uno del torneo è Giulia Capocci, al 13° posto nel ranking mondiale e trionfatrice a Cuneo nella scorsa edizione, seguita dall’inglese Louise Hunt, numero 16 al mondo e finalista nel 2016, e dall’argentina Maria Florencia Moreno (21a). Il torneo prenderà il via alle 8 di giovedì 15 marzo con la disputa degli ottavi di finale, sabato 17 sono in programma le finali del doppio, domenica 18 dalle ore 10 si giocheranno le finali del singolo maschile e femminile. L’ingresso per il pubblico è libero e gratuito.

Nel tardo pomeriggio di martedì 6 marzo la rassegna è stata presentata al Lovera Palace da Remo Merlo, responsabile generale della P.a.s.s.o, alla presenza di Cristina Clerico (assessore allo Sport del Comune di Cuneo), Claudia Martin (delegato cuneese del Coni Point), del maestro Paolo Ponzio direttore del torneo e del giudice arbitro internazionale Sigismondo Favia, che sarà assistito durante la manifestazione da Federico Gonella.

Al torneo parteciperanno atleti provenienti da Francia, Argentina, Olanda, Austria, Polonia, Giappone, Finlandia, Gran Bretagna, Sudafrica, Svizzera, Svezia, Russia e, per la prima volta, Turchia. In Italia il tennis in carrozzina è nato nel 1987 grazie all’iniziativa di un gruppo di ragazzi paraplegici toscani che praticavano il tennis tavolo. Le regole di questa disciplina ricalcano quelle del tennis dei normodotati, l’unica differenza è la possibilità di colpire la palla anche dopo il secondo rimbalzo. Nella scorsa edizione si imposero il francese Frederic Cattaneo nel singolo maschile, l’italiana Giulia Capocci nel singolo femminile, i francesi David Dalmasso e Gaetan Menguy nel doppio maschile e le coppia asiatica formata dalla giapponese Kanako Domori e dalla coreana Ju-Youn Park nel doppio femminile.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.