La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 22 settembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Dogliani, 859.000 euro per le aree urbane degradate

Il Comune si classifica al 51° posto del bando nazionale e ottiene il finanziamento

Dogliani - Veduta di piazza Martiri della Libertà

Dogliani – La partecipazione al “Bando di riqualificazione aree urbane degradate” ha fruttato al Comune un finanziamento di 859.000 euro.
Il progettista Gianni Picco, in collaborazione con l’amministrazione locale, è riuscito ad individuare l’area più corrispondente alle caratteristiche richieste dal bando e questo ha permesso all’ente di classificarsi 51° posto nella graduatoria a livello nazionale.
La zona d’interesse è quella che ha come fulcro piazza Martiri della Libertà per proseguire fino in via General Martinengo, fino all’incrocio con vicolo Caserma e di seguito in via Lungo Rea.
“Una splendida notizia per noi – dice il sindaco Franco Paruzzo -, soprattutto perché premia la costante e puntuale attenzione dell’amministrazione comunale sulle necessità del paese che, nonostante le esigue risorse finanziarie, fa sì che si stiano realizzando importanti interventi di recupero e di riqualificazione che rendono la cittadina sempre più fruibile e qualificata anche sotto il profilo paesaggistico per i residenti e per i turisti.

 

Rendering di piazza Martiri della Libertà

Rendering di piazza Martiri della Libertà

 

 

 

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.