La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 19 novembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Verzuolo, settimana decisiva per l’Itis

Intervenire sull'immobile esistente o costruirne uno nuovo?

La Guida - Verzuolo, settimana decisiva per l’Itis

Verzuolo – “Il Comune di Verzuolo garantisce la massima collaborazione nella ricerca di locali idonei in Verzuolo per risolvere temporaneamente l’inagibilità dell’immobile che ospita l’Itis Rivoira, al fine di garantire la continuità didattica”: così si esprime il sindaco Giancarlo Panero a conclusione dell’incontro convocato dal presidente della Provincia Federico Borgna e dalla consigliera Milva Rinaudo. All’incontro hanno partecipato il indaco di Verzuolo , quello di Saluzzo Mauro Calderoni, il dirigente scolastico Antonio Colombero, accompagnati dai rispettivi tecnici.
Dall’incontro sono emerse due ipotesi. La prima: se è possibile e non troppo oneroso, quella di intervenire sull’immobile esistente. La seconda: realizzare a Verzuolo un nuovo edificio in grado di continuare a garantire l’eccellenza didattica dell’Istituto. Ancora Panero: “Il Comune sta operando per verificare la possibilità di costruzione dell’immobile nella ex area industriale, al fine di evitare consumo di suolo, ed in subordine in un terreno di proprietà comunale. Per Verzuolo, per le famiglie e gli allievi, è fondamentale la presenza dell’Itis sul territorio verzuolese”.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.