La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 18 giugno 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Spinetta, cordoglio per la morte di Giuseppe Pellutiè

Il funerale sarà celebrato sabato 20, alle 14.30, nella chiesa parrocchiale

Primo piano di Giuseppe Pellutié

Giuseppe Pellutié

Spinetta – Giuseppe Pellutié, il “granatin” di Tetto Garetto (Cuneo) è mancato nelle prime ore di venerdì 19 gennaio, nella sua casa in via Torre Acceglio, 14 circondato dall’affetto dei suoi familiari, dopo una lunga vita tra gioie e fatiche.

Aveva 97 anni. Era nato a Bombonina il 17 agosto 1920. Visse intensamente il periodo della seconda guerra mondiale: cinque anni come militare e due anni nei campi di concentramento tedeschi e per queste vicissitudini venne insignito della medaglia di Cavaliere della Patria.

Ritornato a casa, cominciò il suo lavoro di “granatin” (venditore di granaglie) già nel 1946, con poco. Pian piano ampliò l’attività con impegno, serietà e tenacia, appoggiato e sostenuto dalla moglie Lucia Dutto, con cui ha vissuto per 71 anni un felice matrimonio. Beppe e Lucia sono stati un  esempio di unione per la famiglia. Per il suo impegno nel lavoro gli venne conferita la medaglia di Cavaliere del Lavoro.

L’Agricolmarket, società da lui avviata, è stata proseguita dalla figlia Graziella e dal genero Piero.

Lascia la moglie, la figlia, il genero, la nipote Sara (vicedirettore della Caritas diocesana) con Marco e i nipoti Federico e Tommaso. Il funerale sarà celebrato sabato 20, alle 14.30, nella chiesa parrocchiale di Spinetta.

 

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.