La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 22 aprile 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

La valle Roya rimane chiusa ai tir, il tribunale di Nizza respinge i ricorsi

La Guida - La valle Roya rimane chiusa ai tir, il tribunale di Nizza respinge i ricorsi

Limone Piemonte – La sentenza attesa per questi giorni è arrivata, ma non piace ai trasportatori italiani: il tribunale di Nizza ha respinto i ricorsi contro l’ordinanza che vieta il transito in valle Roya ai tir superiori alle 19 tonnellate, che quindi rimane valida. L’ordinanza, firmata il 1° settembre dai sindaci di cinque Comuni francesi (Tenda, Fontan, La Brigue, Saorge e Breil), era entrata in vigore il 12 ottobre con l’installazione dei cartelli di divieto. In queste settimane sono scattate multe (135 euro), che hanno colpito soprattutto camionisti italiani. I ricorsi erano stati presentati da Prefettura di Nizza, dalle associazioni Fai, Astra e Confartigianato, dalla Buzzi-Unicem.Dalle aziende di autotrasporto cuneesi era giunta la richiesta di una deroga, rimasta finora inascoltata. Se ne tornerà a parlare a fine novembre, con la conferenza intergovernativa Italia-Francia sul Tenda Bis. Intanto, le associazioni di categoria e le ditte del trasporto esprimono preoccupazione per la situazione e lamentano i costi superiori per le strade alternative nei collegamenti con la Francia (foto di Giorgio Bernardi).

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.