La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 22 luglio 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Sviluppo alpeggi, alla Granda oltre 600.000 euro

E' stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione la graduatoria della misura 4.3.3 del Programma di Sviluppo Rurale

La Guida - Sviluppo alpeggi, alla Granda oltre 600.000 euro

E’ stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione all’indirizzo http://www.regione.piemonte.it/governo/bollettino/abbonati/2017/39/attach/dda1800002983_370.pdf la graduatoria della misura 4.3.3 del Programma di Sviluppo Rurale (Psr) 2014-2020 riguardante la costruzione di nuove infrastrutture al servizio degli alpeggi, escluse quelle viarie già previste dall’intervento 4.3.4. A portare avanti l’istruttoria hanno provveduto i tecnici del settore Sviluppo della Montagna e Cooperazione Transfrontaliera, seguendo gli indirizzi stabiliti  dalla delibera approvata dalla Giunta Chiamparino, su proposta dell’assessore, Alberto Valmaggia, e resi poi attuativi dal successivo Bando. I progetti dovevano essere relativi a investimenti al servizio di più aziende utilizzatrici delle aree montane di pascolo. Quattro gli obiettivi: realizzare sistemi di approvvigionamento elettrico, linee telefoniche, teleferiche di trasporto dei materiali e opere di presa o adduzione degli acquedotti, compreso il loro adeguamento o potenziamento, ma con l’esclusione del fine irriguo. Potevano partecipare alla gara le Amministrazioni comunali e le Unioni Montane proprietarie di alpeggi. Il Bando stanziava 1.460.000 euro. Il contributo è stato calcolato su una spesa ammissibile compresa tra un minimo di 62.500 e un massimo di 187.500 euro, con il finanziamento dell’80% richiesto: quindi, assegnando importi variabili dal minimo di 50.000 al massimo di 150.000 euro. Le domande presentate sul territorio piemontese sono state 19, di cui 12 considerate ammissibili e finanziabili. Per un contributo totale richiesto di 1.748.387,79 euro e un importo erogabile di 1.398.710,24 euro. In Provincia di Cuneo sono entrate in graduatoria 6 domande, per un finanziamento richiesto di 830.880,79 euro e un importo concedibile di 664.704,64 euro (il 47,5% degli 830.880,79 euro totali). I Comuni beneficiari sono: Crissolo (contributo erogabile di 84.633,81 euro); Entracque (150.000 euro); Magliano Alpi (63.200 euro, alpeggi in proprietà nel territorio di Prato Nevoso); Monastero di Vasco (142.494,66 euro, alpeggi in proprietà nei territori di Frabosa Soprana e Frabosa Sottana); Oncino (74.916,57 euro) e Demonte (149.459,60 euro). “Le due misure del Psr riservate alla viabilità e allo sviluppo degli alpeggi – sottolinea l’assessore Valmaggia – le cui graduatorie sono state rese note nelle ultime settimane, sono fondamentali e necessarie al sostegno di quegli investimenti capaci di contrastare l’abbandono delle zone montane e di favorire il mantenimento delle attività pastorali stagionali. Dobbiamo tutelare e valorizzare le attività agricole nelle Terre Alte, migliorando la qualità della vita e creando nuove opportunità di crescita per chi ci lavora”.I PROGETTI FINANZIATI IN PROVINCIA DI CUNEO (in ordine di graduatoria)Comune – Importo ammissibile – Contributo erogabileCrissolo – 105.792,26 euro – 84.663,81 euroEntracque – 187.500 euro – 150.000 euroMagliano Alpi – 79.000 euro – 63.200 euroMonastero di Vasco – 178.118,32 euro – 142.494,66 euroOncino – 93.645,71 euro – 74.916,57 euroDemonte – 186.824,50 euro – 149.459,60 euroTOTALE COMUNI: 6TOTALE IMPORTO AMMISSIBILE: 830.880,79 euroTOTALE CONTRIBUTO EROGABILE: 664.704,64 euro

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.