La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 16 luglio 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Risistemato il sentiero dal Chiotas al Colle Chiapous

La Guida - Risistemato il sentiero dal Chiotas al Colle Chiapous

Entracque – Si sta concludendo l’intervento iniziato a luglio delle squadre di operai forestali della Regione (in modo principale quella della valle Gesso, 4 persone, tra cui una donna, Laura Giordano, e occasionalmente il gruppo della valle Vermenagna con 3 addetti) per risistemare il sentiero che dal lago del Chiotas (m 1.980) porta al Colle del Chiapous, m 2.533, (per poi scendere a Terme di Valdieri) che fa parte della Grande traversata delle Alpi e che è molto frequentato da escursionisti italiani e stranieri. Eara stato l’Ente di gestione delle aree protette delle Alpi Marittime a richiedere l’intervento dei forestali regionali. “In valle Gesso – spiega Marco Rocca, che ha coordinato le squadre di lavoro – la manutenzione diffusa dei sentieri era ferma da parecchi anni. Il Parco interveniva nelle situazioni più critiche, ma non si era mai provveduto a una pianificazione complessiva dei lavori. La parte del camminamento di 1.100 metri si presentava in condizioni disastrose e non se ne vedevano più le minime tracce di percorrenza, in quanto interamente coperto di detriti. Lo abbiamo rifatto per intero, modellandone di nuovo il profilo. Lungo l’altro tratto, invece, si è tagliata l’erba e sono state tolte le pietre che ingombravano il passaggio. I pezzi dove il fondo presentava dei problemi maggiori di tenuta sono stati lastricati, in quelli nelle condizioni migliori è bastato un livellamento dell’esistente. Ora tutto il sentiero sviluppa la larghezza media di un metro”. L’assessore regionale Alberto Valmaggia è soddisfatto: “Un altro intervento che rimette in sesto un percorso molto utilizzato dagli escursionisti: tappa particolarmente suggestiva della Gta e, quindi, importante dal punto di vista turistico. Senza dimenticare l’aspetto, sempre fondamentale, di prevenzione dell’assetto idrogeologico del territorio. Tra l’altro, quest’estate, ho fatto proprio una camminata lungo quel sentiero e ho potuto complimentarmi con gli operai per l’ottimo lavoro svolto. Rispetto a prima c’è stato un bel cambiamento”.    

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.