La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 20 agosto 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Ripristinato il sentiero da Narbona al Passo delle Crocette

La Guida - Ripristinato il sentiero da Narbona al Passo delle Crocette

Castelmagno -Si completa di un altro tassello la rete di sentieri che porta al santuario di San Magno. Tra metà luglio e agosto, quattro operai forestali della Regione – sezione Valle Grana, sono stati impegnati per ripulire e ripristinare l’antico sentiero che da Narbona si raccorda con il Passo delle Crocette, in disuso dagli anni ’60. Bruno Arneodo, uno degli ultimi testimoni della vita a Narbona, ricorda che ancora nel ’57 l’esercito l’aveva utilizzato scendendo dai campi militari. Il nuovo percorso (difficoltà escursionistica, circa due ore e mezza di cammino) permette di ammirare l’aspro vallone con i suoi caratteristici torrioni e la “Grotta del ghiaccio”, il cosiddetto “Pertus d’la patarassa”, una cavità dove stranamente è sempre presente del ghiaccio, anche nei mesi più caldi dell’anno. La leggenda racconta che in quella grotta visse, tanto tempo fa, una giovane e bella ragazza vestita di soli stracci in segno di umiltà, da lì il nome in occitano di “patarassa” (straccio). Si narra che la fanciulla visse nel triste periodo medioevale dell’Inquisizione e che appartenesse a un gruppo di fuggiaschi che fondò la mitica e bella Arbouna (Narbona). Isolata nella grotta per vivere in completo ritiro spirituale, rifiutò l’amore del comandante dei soldati, che per ripicca infierì sugli abitanti del posto. Sapendo di essere la causa di tutta quella cattiveria, la ragazza pianse talmente tanto da morirne e il buon Dio, colpito dalla purezza e dalla sua sensibilità ghiacciò le sue lacrime a eterna memoria.Il cammino è già percorribile ed entro l’autunno i volontari, che si sono occupati della segnalazione del “Cammino di San Magno”, provvederanno alla segnaletica dell’intero percorso.

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.