La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 22 settembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Si è spento l’ex sindaco di Busca Dino Aimar

La Guida - Si è spento l’ex sindaco di Busca Dino Aimar

Cuneo – È morto questa mattina lunedì 7 agosto all’ospedale Santa Croce di Cuneo all’età di 89 anni Bernardo, ma conosciuto da tutti come Dino. Aimar che fu sindaco di Busca dal 1972 al 1975. Eletto consigliere comunale per la Democrazia Cristiana nel 1970, salì alla carica di primo cittadino con votazione dello stesso Consiglio comunale in seguito alle dimissioni presentate il 21 marzo 1972 dal sindaco in carica Giovanni Cismondi. Rimase alla guida della città fino al 2 aprile 1975. Restò in consiglio comunale come consigliere dal 1975 al 1985 e poi fu assessore provinciale negli Anni ’90. Aimar è stato caposezione al Catasto di Cuneo. Amato e conosciuto è stato a lungo impegnato nel sociale e nel volontariato e du presidente della San Vincenzo di Busca e creò l’armadio del povero per la distribuzione di abiti e indumenti ai bisognosi. "Dobbiamo dare  addio – dice il sindaco, Marco Gallo – ad una persona che si è molto spesa nella vita amministrativa e sociale di Busca. Alla famiglia le condoglianze sentite dell’Amministrazione comunale".Lascia la moglie Maria, i figli Carlo, Piergiorgio e Chiara, il fratello Giorgio e la sorella Maria. Da stabilire la data dei funerali. 

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.