La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 19 settembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Festa della Liberazione nei paesi e nelle valli

La Guida - Festa della Liberazione nei paesi e nelle valli

In diversi paesi del cuneese la festa del 25 aprile viene celebrata con iniziative e momenti pubblici, per onorare la memoria dei caduti e di chi ha dato la vita per la libertà.A Borgo San Dalmazzo venerdì 21 aprile alle 17.30, in biblioteca, presentazione del libro “Razza partigiana” con “Ora e sempre” di Cuneo. Domenica 23 alle 20, a Sant’Antonio Aradolo, fiaccolata sui sentieri partigiani fino a Tetto Pilone, a cura dell’Anpi Borgo. Martedì 25 alle 9, alla rotonda Alpi Marittime, omaggio ai partigiani del Saben, alle 10 sfilata da Largo Argentera e omaggio al sacrario partigiano nel cimitero, alle 11 messa a San Dalmazzo. Venerdì 28 alle 21, all’auditorium, reading musicale “Razza partigiana”.Ad Aisone, sempre domenica 23, dopo la messa delle 10, momento di ricordo con deposizione della corona di alloro al Monumento ai Caduti.A Gaiola martedì 25 la commemorazione di tutti i Caduti si terrà alle 10 sotto il porticato del Municipio per poi spostarsi in piazzetta della Pace.A Roccasparvera, dopo la messa delle 11, cerimonia presso il Monumento degli Alpini con la partecipazione del gruppo Alpini di Gaiola e l’inaugurazione di una nuova scultura in legno da parte dell’artista Barba Brisiu.A Rittana tornerà, per il terzo anno consecutivo, il tradizionale appuntamento con la “Marcia sui Sentieri Partigiani” al Quiot Rosa, organizzata in collaborazione tra le Valli Stura e Grana. Tre le partenze previste: alle 9.30 da frazione Damiani di Monterosso Grana (itinerario lungo), alle 10 da borgata Tetto Chiappello-Caraglio (itinerario medio), alle 10.30 da frazione Gorrè di Rittana (itinerario corto); prenotazione obbligatoria entro il 24 aprile, tel. 329-4286890. Nel pomeriggio dopo la commemorazione ufficiale, sarà consegnata la Costituzione ai diciottenni della Valle Stura e, a seguire, messa accompagnata dalla Banda musicale di Bernezzo. Alle 16.30, presso il Rifugio, concerto dei “Coromoro”.Martedì 25 Moiola ricorderà l’anniversario con la commemorazione alle 11.30 presso il Monumento ai Caduti e il pranzo per anziani e non al Circolo Saben.A Demonte la giornata di martedì comincerà con il ritrovo davanti al Municipio alle 9 per il corteo fino alla parrocchiale accompagnati dalla Banda musicale “Demunteisa”. Alle 10.15, dopo la Messa, corteo in piazza Renzo Spada per commemorare i Partigiani e i Caduti.Come ormai da tradizione, Vinadio unirà le celebrazioni per la Liberazione con la Festa del Gruppo Alpini. Alle 9.30 del 25 aprile ritrovo davanti al Municipio per andare insieme alla Messa nella chiesa di San Rocco, a seguire sfilata al Monumento ai Caduti accompagnata dalla banda musicale. I festeggiamenti si sposteranno poi al Lago del Forte dove alle 11.45, si terrà la “Festa degli Alberi”. Seguirà rinfresco e pranzo presso la sede Alpini (prenotazioni: Renato Giavelli tel. 335-5298329, Sandro Rostagno 348-6905718).A chiudere le celebrazioni sarà Sambuco, mercoledì 26 aprile alle 11, con una commemorazione nella piazza municipale.A Boves la giornata di martedì 25 aprile sarà dedicata alla commemorazione ufficiale con il ritrovo alle 9 in piazza Italia di fronte al municipio. Il corteo con la banda musicale “Pellico” farà tappa al monumento della Grande Guerra, al sacrario e in piazza Caduti per la deposizione delle corone, quindi saluto del sindaco e delle autorità. Saranno presenti i ragazzi dell’Istituto Comprensivo “Vassallo”. A conclusione l’orazione ufficiale affidata quest’anno al presidente dell’Istituto Storico della Resistenza, Sergio Soave. Alle 12,30 tradizionale pranzo dell’Anpi con i partigiani al ristorante Da Politano di Fontanelle e alle 16 in piazza Italia torna la tradizionale corsa podistica “Sulle strade del Colla”.Venerdì 21 a Peveragno serata dedicata alle “Resistenze”, organizzata da Comune, Compagnia del Birùn, biblioteca civica e biblioteca di Beinette. In Casa Ambrosino Enzo Barnabà parlerà del suo libro “Morte agli Italiani!”; Gigi Garelli, dell’Istituto storico della Resistenza, presenterà “Con la guerra in casa”, volume curato da Marco Ruzzi e Michele Calandri; intervento di Claudia Bergia, presidente del Centro culturale dell’associazione partigiana Ignazio Vian “Don Aldo Benevelli”. Modererà lo storico peveragnese Giovanni Magnino.Martedì 25 aprile a Chiusa Pesio si terrà la fiaccolata al sacrario partigiano di Certosa di Pesio organizzata dal Comune di Chiusa di Pesio e dall’Associazione Resistenza sempre nel Rinnovamento. Ritrovo alle 20.30 in piazza Tre medaglie d’oro a Chiusa Pesio e partenza alla volta della Certosa, alle 21 ritrovo presso il piazzale della Certosa e alle 21.15 inizio della fiaccolata.Domenica 23 a Cervasca la terza edizione del Cammino della libertà con destinazione Boschi, una borgata dove era presente una scuola fino agli anni Sessanta. Si svolgerà dalle 15, in parte su asfalto e in parte su sentieri, con partenza e ritorno a San Michele (per informazioni: cervasca.cuneo@ana.it, info@viverecervasca.it o tel. 329-7317740).Lunedì 24 a Vignolo ritrovo alle 9 davanti alla chiesa di Santa Croce con la classe quinta della frazione; alle 10 commemorazione davanti al municipio con la quinta della primaria di Vignolo; ci si sposta poi al cippo dei caduti della frazione Narbona.Domenica 23, alle 15.30, Bernezzo ricorda le sei vittime della bomba caduta alla Tarula nel 1945. Al termine della commemorazione ci sarà un rinfresco offerto, come ogni anno, da un gruppo di amici della Tarula.Caraglio festeggerà con una cerimonia istituzionale, martedì 25 aprile. Dopo la Messa in suffragio dei Caduti, alle 9.30 nella chiesa parrocchiale, seguirà l’omaggio alle lapidi e al monumento ai Caduti in compagnia della Banda musicale di Caraglio.Giovedì 27 aprile alle 14.30, presso l’Istituto comprensivo di Caraglio, un incontro con i ragazzi delle terze medie con proiezione del documentario “Avevamo vent’anni” di Remo Schellino, curato dall’Istituto storico della Resistenza. Martedì 25 aprile, alle 10.30 nel Teatro Iris di Dronero, orazione ufficiale tenuta dal presidente della Regione, Sergio Chiamparino.Da sabato 22 a martedì 25 aprile gli accompagnatori naturalistici dell’Ecomuseo Terra del Castelmagno propongono quattro giornate di escursioni sui sentieri della Valle, scenari della Resistenza. Primo appuntamento sabato 22 aprile con “Brigata Paolo Braccini – Appunti di un partigiano”, gita sulle orme dei diari dei combattenti che in guerra percorrevano i sentieri della Valle (durata cinque ore, percorso facile). Il ritrovo è fissato a Pradleves, davanti al bar Il Chiosco, alle 9.30.Protagonista della gita di domenica 23 sarà la borgata Narbona di Castelmagno, teatro di alcuni momenti salienti della Resistenza che saranno raccontati lungo il cammino. A fine giro, in frazione Campomolino, si terrà un incontro con il gruppo “Una Casa per Narbona” per un approfondimento storico e scientifico. Ritrovo davanti al Municipio di Campomolino alle 10 (durata 4 ore, difficoltà media).Lunedì 24 si tornerà a Pradleves per raccontare una storia poco conosciuta, ma che ha segnato un momento importante nella lotta per la Liberazione: la bomba sganciata sulla borgata di Tarula. Ritrovo nella piazza del Municipio (durata 4 ore, percorso facile).  Per adesioni alle escursioni (10 euro ciascuna): ecomuseo@terradelcastelmagno.it, tel. 329-4286890.Martedì 25 aprile sarà riproposto l’ormai tradizionale appuntamento con “In marcia sui sentieri partigiani”, escursione per raggiungere il Chiot Rosa organizzata dalle Unioni Montane delle valli Grana e Stura. Tre le partenze previste: alle 9.30 da frazione Damiani di Monterosso Grana (itinerario lungo), alle 10 da borgata Tetto Chiappello-Caraglio (itinerario medio), alle 10.30 da frazione Gorrè di Rittana (itinerario corto). Dopo il pranzo al Rifugio Paraloup (costo 10 euro, con prenotazione obbligatoria al numero 346-3085025), nel pomeriggio, dopo la Messa, si esibirà il gruppo “Coromoro”.Martedì 25 aprile, a Busca, ci sarà il ritrovo, alle 17, al palazzo comunale e sarà celebrata una commemorazione dei caduti davanti ai monumenti; alle 18 sarà officiata la Messa nella chiesa del convento dei Cappuccini, con benedizione del monumento agli Alpini nell’omonima piazza; alle 19.15 è fissato il ritrovo in piazza Santa Maria per uno spuntino preparato dall’Ana buschese; alle 20.15, si partirà per la “Marcia della pace” verso Ceretto.Intanto, a Costigliole Saluzzo, alle 18, viene celebrata una Messa nella chiesa parrocchiale in suffragio dei caduti; alle 20 ritrovo al palazzo comunale, deposizione di una corona alla lapide e partenza per la “Marcia della pace” verso Ceretto, dove, alle 21, è prevista la commemorazione dei caduti con la partecipazione del coro “Cantallegrando” di Busca, della banda di Santa Cecilia di Costigliole Saluzzo e dei ragazzi della scuola media di Costigliole.A Verzuolo la “Fiaccolata per la pace e la libertà”, lunedì 24 aprile, con partenza da Villanovetta (via Cascine, ore 20.30) e da via San Bernardo (ore 21).  Alle 21.15, nel piazzale della scuola materna, incontro con la fiaccolata che arriva da Manta e da Saluzzo. Saluto del sindaco Giancarlo Panero e poi l’orazione ufficiale. Canti piemontesi e partigiani con il “Coro Moro”. Mercoledì 25 aprile, alle 8, Messa alla cappella di Madonna della Neve di Villanovetta. Alle 10, commemorazione ufficiale. Quindi Messa alle 11 nella parrocchia dei Santi Filippo e Giacomo.Alle 13 nella caserma Musso di Saluzzo: “Pranzo degli amici della Resistenza”.Martedì 25 aprile, alle 9 a Villanova Mondovì, deposizione dei fiori ai Cippi. A seguire, composizione del corteo presso la Casa di Riposo “Don B.Rossi”. Alle 10 deposizione corona di alloro presso il monumento dell’artigliere e dei caduti in Piazza Rimembranza. Alle 10,30 messa a San Lorenzo.Venerdì 21 aprile, alle 21 nella biblioteca “Angelo Ruga” di Clavesana, presentazione del libro “Tuska maestrina partigiana”, lettere e testimonianze con riferimento al periodo trascorso in Clavesana. Martedì 25 alle 9 ritrovo al monumento dei Caduti in piazza Vittorio Emanuele II, alzabandiera e deposizione corona di alloro. Saluti del sindaco e orazione di Giovanni Bracco presidente Alpini di Clavesana.

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.