La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 10 dicembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Delrio: “In tre anni e mezzo la Cuneo-Asti può essere finita”

La Guida - Delrio: “In tre anni e mezzo la Cuneo-Asti può essere finita”

Cuneo –  Il ministro Graziano Delrio è chiaro: "L’autostrada Cuneo-Asti può essere terminata in tre anni e mezzo per il 2020, con la soluzione un tempo accantonata ma ora ripresa del percorso esterno, se il concessionario darà risposte subito e se non ostacolerà un percorso che si può chiudere, con l’aumento delle tariffe al 3,5% annuo per sei anni per facilitare l’investimento". Sono le parole del ministro appena rilasciate in Prefettura di fronte a una platea di parlamentari, per la prima volta tutti insieme quelli ella provincia, l’europarlamentare Alberto Cirio, il ministro Enrico Costa, il viceministro Andrea Olivero, l’assessore ai trasporti della Regione Francesco Balocco, il presidente della Provincia Federico Borgna, e tanti sindaci, oltre alle forze produttive del territorio. "Non è una promessa ma è l’impegno della soluzione che porteremo avanti – ha continuato – anche a Bruxelles il 9 marzo, ed è una soluzione che cerchiamo tutti insieme all’unisono, Governo e territorio. Ma la concessionaria Asti-Cuneo deve dare risposte e non deve creare problemi o prendersi alibi. Da parte nostra entro giugno si potrebbe approvare un atto aggiuntivo che facilita le cose e garantisce sui tempi. Perché parlo di tre anni e mezzo? Perché mentre una parte dei chilometri che mancano possono andare all’analisi dell’impatto ambientale, l’altra parte è cantierabile da giugno". Delrio e il Ministero sposano dunque la terza ipotesi, quella già scartata 27 anni fa anche dal ministro dell’ambiente, ma che in realtà successivamente era stata riesaminata, in parte modificata e resa dunque possibile, ma finita nel dimenticatoio: il passaggio tutto esterno sera tunnel sotto colline e sotto Tanaro: 310 milioni di spesa per 37 mesi di lavoro, contro i 533 milioni e 48 mesi di lavoro per la soluzione con una galleria sotto la collina di Verduno, e i 680 milioni e 53 mesi di lavoro per la doppia canna."Lavoriamo insieme, le cose sono cambiate con il codice degli appalti – ha detto Delrio – si sta invertendo la storia delle concessioni autostradali che in Italia sono un sistema malato di nanismo e che mette lo Stato in difficoltà, nel non poter difendere i propri interessi". 

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.