La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 13 novembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Veglia di preghiera alla Città dei Ragazzi

Giovedì 1 dicembre, presso il Movimento Contemplativo Missionario padre de Foucauld (conosciuta come Città dei Ragazzi) si terrà una   veglia di preghiera per i cento anni dalla morte di Charles de Foucauld (1° dicembre 1916 – 1° dicembre 2016). Ritrovo alle ore 20.30.  Charles de Foucauld nasce a Strasburgo nel 1858, da famiglia aristocratica. Orfano a sei anni, viene allevato, assieme alla sorella Marie, dal nonno paterno. Durante l’adolescenza si allontana dalla fede. Intraprende la carriera militare. Una pericolosa esplorazione del Marocco gli procura grande fama e gli riconquista la stima dei suoi. Interpellato dalla fede dei musulmani, va alla ricerca di Dio, e accompagnato con saggezza dalla cugina Marie de Bondy, incontra l’abbé Huvelin, si confessa e ritrova la fede. Per seguire Gesù si fa monaco trappista (1890-1896), poi vive da eremita presso le monache Clarisse di Nazareth (1897-1900). Dopo un lungo periodo di discernimento accetta di essere ordinato prete (1901). I tre anni trascorsi a Nazareth costituiscono il periodo fondamentale dell’itinerario spirituale di de Foucauld. Dopo un soggiorno nell’oasi di Béni Abbès, si spinge fino a Tamanrasset, tra i Tuareg. Là vive “la sua Nazareth”. Viene ucciso il 1° dicembre 1916. È stato beatificaro da papa Benedetto XVI il 13 novembre 2005.

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.