La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 15 ottobre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Teleriscaldamento: i lavori ritardano a causa dell’alluvione

La Guida - Teleriscaldamento: i lavori ritardano a causa dell’alluvione

Dovevano iniziare tra oggi e mercoledì i cantieri in città per la posa dei tubi del teleriscaldamento dopo lo stop di questi mesi. Slitteranno invece o a fine settimana o più probabilmente a lunedì prossimo per consentire alle squadre di lavoro di continuare i lavori di urgenza sui territori della provincia colpiti da alluvione. Alcune delle ette impegnati negli scavi e nella posa sono infatti occupate nel monregalese e nel cebano per il ripristino delle tubazioni di acqua, riscaldamento e depurazione danneggiate dall’alluvione di giovedì scorso. Per rispettare i lavori urgenti sui luoghi già danneggiati dell’alluvione la Wedge Power ha deciso di rimandare la riapertura dei cantieri a fine settimana o più probabilmente dalla settimana prossima. Erano quattro i fronti su cui i cantieri avrebbero dovuto iniziare, tutti in zone centrali della città ma che non hanno rilevanza commerciale. Si sarebbe ripreso in quasi tutti i casi da dove i cantieri a metà settembre avevano dovuto terminare con il ripristino dell’asfalto sulla strada. Solo la commerciale via Carlo Emanuele, dove si era arrivato a scavare all’angolo con via XXVIII aprile, viene risparmiata. In due punti della strada si faranno due rapidi allacci alla rete, all’altezza del palazzo dell’ex Enel ma con lavori di un giorno o due, senza chiusure di strada ma solo con divieti di sosta su alcuni dei parcheggi a lisca di pesce. Si scava invece all’inizio di via Quintino Sella angolo via Sebastiano Grandis chiudendo il tratto che va da via Grandis a corso Dante.  Il secondo cantiere è all’incrocio tra via Bassignano con corso Dante, proprio dove il cantiere si era bloccato a fine agosto, e qui la viabilità subirà cambiamenti. Chi entra in corso Dante da corso IV novembre avrà la svolta obbligatoria su via Silvio Pellico, mentre chi entra in corso Dante da corso Nizza o strade parallele potrà proseguire su via Bassignano in direzione corso Giolitti oppure tornare sul lato opposto di corso Dante perché sarà invertito il senso di marcia nel tratto tra le due direzioni del corso. Il terzo cantiere ad aprire sarà quello di via Massimo D’Azeglio a fianco del Palazzo della Provincia proseguendo verso il viale Angeli, prima con l’incrocio con via Luigi Gallo, poi con via Bersezio e si proseguirà poi sulla stessa via di fronte ai Tomasini ricongiungendosi con la dorsale di corso Dante, ma qui tutto sarà concluso entro l’8 dicembre. Il quarto cantiere è quello su via Monte Zovetto dopo via Meucci, ovvero sul tratto verso via Bassignano prima e poi via Sella. Da qui si proseguirà verso monte per raggiungere corso Santorre di Santarosa.Ora oltre a rimandare i cantieri saranno forse anche da rivedere tempi e luoghi per non creare disagi per le compere natalizie. 

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.