La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 16 luglio 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

I fiumi piemontesi rimangono sorvegliati speciali

La Guida - I fiumi piemontesi rimangono sorvegliati speciali

Cuneo – Sull’area intorno al capoluogo nella prima parte della mattinata è tornato a splendere il sole, che ha mostrato anche lo spettacolo delle montagne innevate, ma intanto su buona parte del basso Piemonte le previsioni non fanno sperare troppo bene, e soprattutto l’acqua continua a far paura, per i livelli di rischio idrogeologico su tanti corsi. Le previsioni indicavano pioggia fino a metà giornata, mentre in diverse zone ha smesso qualche ora prima o comunque i problemi si sono in parte attenuati, pur lasciando una scia di esondazioni, danni e paura, che ha riportato alla memoria il 1994, con il suo tributo di vite umane e di devastazione. I fiumi (nella foto, la cartina del rischio idrogeologico apparsa in mattinata sul sito della Regione) continuano a essere sorvegliati speciali, con il livello di rischio che rimane attestato a quota tre (il massimo) per Tanaro e parte del cuneese, oltre a diverse zone nel torinese. Intanto si inizia la conta dei danni, per verificare le situazioni sul territorio, e dove possibile si prova a tornare a una situazione più normale, a partire dalla riapertura al traffico di alcuni tratti di strada.

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.