La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Venerdì 19 ottobre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Dronero, otto nuove aule all’Istituto Alberghiero

La Guida - Dronero, otto nuove aule all’Istituto Alberghiero

Dronero – Per rispondere all’aumento di studenti dell’Istituto Professionale Servizi per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera “Virginio-Donadio” di Dronero di questi ultimi anni (al momento sono circa 750 alunni), la Provincia ha realizzato un nuovo edificio scolastico nello spazio libero del cortile interno dell’ex caserma.  Là dove c’era il grande parcheggio utilizzato solo in parte, è sorto un prefabbricato in grado di ospitare altre otto aule, servizi igienici e altri locali. L’intervento, il cui costo ammonta a circa 494.865 euro Iva esclusa, è stato finanziato con il contributo della Fondazione Cassa Risparmio di Cuneo, “ma bisogna dire – ha precisato il presidente della Provincia, Federico Borgna – che con tutti gli altri lavori già eseguiti, dal rifacimento della facciata della scuola alle nuove cucine, dall’acquisto degli arredi e alla riasfaltatura del cortile, per questa scuola è stato investito in totale circa 1 milione di euro, proveniente in parte anche da fondi Renzi per la scuola”.L’inaugurazione del nuovo edificio scolastico è avvenuta venerdì 21 ottobre alla presenza degli studenti, degli insegnanti e delle autorità. A fare gli onori di casa il preside Claudio Dutto che ha parlato di “uno sforzo notevole, tanto più se rapportato al momento finanziariamente difficile che stiamo atrtaversando”. Il sindaco di Dronero, Livio Acchiardi, ha riconosciuto il forte investimento della Provincia per tutto il territorio. Borgna era accompagnato dai consiglieri provinciali Milva Rinaudo, delegata alle scuole e Roberto Colombero, che riveste anche la carica di presidente dell’Unione montana.“Ci tenevamo all’inaugurazione di oggi  – ha aggiunto Borgna – per dare un segnale positivo che conferma il fatto che le Province non sono state abolite, ma solo trasformate. Ci sono rimaste tante funzioni da svolgere, ma purtroppo pochi soldi. Cionostante questo nuovo edificio è il risultato di un lavoro di ricerca attento e scrupoloso che ha permesso di recuperare piccole o medie cifre ancora disponibili sul bilancio per investirle in edilizia scolastica. E’ il frutto di una buona politica e di una buona amministrazione che esistono ancora, bisogna crederci”.Il nuovo edificio ha una superficie di 780 metri quadrati e un’altezza interna di 3 metri. Ospita otto aule da circa 60 metri quadrati (media) con una superficie aerante ed illuminante adeguata. Il corridoio centrale è largo 3,60 metri, la struttura è dotata inoltre di quattro servizi igienici femminili e altrettanti maschili, due per il personale docente e uno per disabili, oltre ad un locale bidelli, un locale tecnico ed una zona ristoro.I consiglieri Rinaudo e Colombero hanno sottolineato l’importanza della scuola come agenzia educativa, senza trascurare le potenzialità professionali e turistiche che l’Istituto Alberghiero rappresenta per tutta la valle Maira. Ricordiamo che la scuola ha appena festeggiato i 25 anni di attività. L’Istituto è nato, infatti, nel 1991 come sezione distaccata dell’Alberghiero di Mondovì. Inizialmente aveva sede in via Roma nell’ex albergo Tripoli  e fu creata grazie al sindaco di allora Gianfranco Donadio del quale l’istituto porta il nome e dal preside Bernardo Debernardi, in memoria del quale è stata dedicata una targa all’ingresso del nuovo padiglione alla presenza dei familiari.

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.