La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 12 dicembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Centallo, ricorso al Tar sui passaggi a livello

La Guida - Centallo, ricorso al Tar sui passaggi a livello

Centallo – La chiusura dei passaggi a livello di via Roata e via San Biagio approderà al Tar: è imminente la notifica del ricorso con cui un comitato informale di circa 40 centallesi presenterà istanza al tribunale amministrativo regionale per segnalare “una forte incongruenza tra le pretese delle Ferrovie e i presunti vantaggi per l’utenza”. La notizia arriva a seguito dell’ordinanza con cui, nei giorni scorsi, è stata dato il via libera alla chiusura dei due attraversamenti da venerdì 28 ottobre. Non sono bastate ai residenti le rassicurazioni del sindaco Giuseppe Chiavassa, che in occasione dell’ultimo consiglio comunale ha confermato la volontà dell’amministrazione di non chiudere l’attraversamento di Lucento. “Voglio che sia chiaro a tutti – ha spiegato il primo cittadino – che il provvedimento in questione non è frutto di un blitz della mia amministrazione a danno dei residenti. La convenzione che prevede queste chiusure è stata stipulata oltre dieci anni fa da altre amministrazioni, nell’ambito di un accordo molto più ampio che ha portato al nostro paese anche le tante infrastrutture che hanno cambiato il volto della stazione. Da parte nostra è stata fatta l’unica cosa possibile, ossia la trattativa con le Ferrovie che ha portato alla mancata chiusura del passaggio di Lucento vista l’assenza di transiti alternativi”. Sul tavolo restano, però, gli altri due attraversamenti. “Il bene della collettività – replica il portavoce dei residenti Enrico Pellegrino – è stato messo in secondo piano dalle decisioni di pochi. L’amministrazione comunale e Rfi ritengono che queste chiusure portino un vantaggio alla popolazione in ragione di una maggiore sicurezza. Per noi i passaggi a livello, invece, sono innanzi tutto un servizio. Queste chiusure invece hanno comportato una spesa importante per svariati milioni di euro; risorse pubbliche con cui si sarebbe potuto invece realizzare la tanto auspicata sopraelevata di via Fossano. Da venerdì sarà interessante capire dove dovrà passare chi attraversava a piedi il passaggio a livello di via Roata Chiusani. Forse sul cavalcavia della strada provinciale?”.Duro scontro anche tra i residenti e il gruppo di minoranza “Per Centallo”, accusato dai residenti di aver votato a favore senza essersi interessato all’argomento: “Noi di responsabilità in merito non ne abbiamo mai avute, né siamo mai stati interpellati dagli interessati. L’attacco avanzato da alcuni grafomani nei nostri confronti è assolutamente ingiustificato”, aveva dichiarato il consigliere Angelo Origlia. “Quando la minoranza, più volte interessata nei mesi scorsi, ne avrà piacere – replica Pellegrino – siamo più che disponibili ad accompagnarla presso questi passaggi a livello per una passeggiata distensiva di confronto”.

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.