La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Venerdì 14 dicembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Ma quale unità del centrosinistra?

La Guida - Ma quale unità del centrosinistra?

Cuneo – Crescere Insieme scrive per precisare la sua posizione dopo l’intervista de La Guida al sindaco Federico Borgna che ha annunciato che si ricandida alle prossime elezioni comunali. Un intervento che segue anche il comunicato stampa delle altre quattro liste dell’attuale maggioranza che sono uscite allo scoperto dichiarando il loro appoggio a Borgna. Il sindaco apre nell’intervista al Pd, e a rafforzare le sue parole arriva poi l’intervento di Laboratorio Democratico che punta il dito nei contronti del segretario del partito, Graziano Lingua, accusandolo di mettere in un angolo il partito.Ecco le due lettere. Desideriamo fare chiarezza in merito al recente comunicato di quattro liste civiche a sostegno dell’attuale sindaco, Federico Borgna, nonché all’intervista rilasciata da quest’ultimo al settimanale “La Guida” in cui ha dichiarato che Crescere Insieme ha “per ora scelto di non decidere”. Riteniamo che questa affermazione non sia corretta poiché, da parte nostra, non vi è alcuna indecisione. La nostra posizione sulle prossime elezioni amministrative è sempre stata molto chiara, e la ripetiamo: prima i programmi, poi i nomi dei candidati. Abbiamo da tempo (almeno da febbraio 2015) dichiarato pubblicamente come fosse opportuno, dal nostro punto di vista, che tutte le forze di centrosinistra, Partito Democratico in primis, si sedessero allo stesso tavolo per discutere sul futuro della città.   Per ora non abbiamo visto alcun programma, né alcuna strategia da parte dell’attuale sindaco, né si sono avviati dei tavoli di lavoro o degli incontri per parlarne. Sinora, il dibattito si è concentrato solo sui nomi dei candidati, e questo è un metodo che francamente non ci piace. Prima viene il futuro della città di Cuneo, poi vengono i nomi. Nel quadro politico attuale, l’elettorato è molto cambiato, e la rielezione di un sindaco è molto meno scontata rispetto a quanto accadeva anni fa – si veda ad esempio quanto successo alle recenti amministrative di Torino. Oggi non è più sufficiente, per essere riconfermati, ricordare i risultati passati (anche perché molti di essi, tra l’altro, sono in gran parte frutto di programmazioni della giunta Valmaggia) o far leva solo sulle aspettative di continuità da parte dell’elettorato: occorre progettualità, occorre una visione strategica per il futuro. Gli elettori si aspettano di conoscere quale sia la visione della città, il progetto per gli anni a venire. Per questo riteniamo cruciale anteporre il dibattito sul futuro di Cuneo a quello sui nomi. Come già detto numerose volte dai nostri rappresentanti sulla stampa locale, a noi interessa che si possa realizzare un programma che dia al nostro territorio (periferie, frazioni, centro storico ma anche valli e comuni limitrofi) ed ai suoi cittadini uno sviluppo coerente, che ponga al centro il cittadino ed i suoi bisogni, e che dia alla città il giusto ruolo; il dibattito sui “nomi” viene dopo.Ad oggi non abbiamo visto nulla del genere, solo un comunicato che di fatto “candida” una persona ma che non menziona contenuti per il futuro. Riteniamo che un dibattito sulle candidature slegato dai contenuti sia assolutamente sterile, e per questo abbiamo ritenuto di non firmare il comunicato, non condividendone innanzitutto il metodo adottato.Crescere Insieme LETTERA APERTA AI DEMOCRATICIAl Segretario Nazionale del PD  RenziAl Segretario Regionale del PD Gariglio  Al Segretario Provinciale del PD Di Caro Ai parlamentari piemontesi del PDAl Sottosegretario GoziAl Viceministro OliveroAi Consiglieri comunali del PDAgli iscritti del Circolo PD E p.c. Al Segretario cittadino PD Lingua  L@B CN, libera associazione di iscritti al PD, ex iscritti, non iscritti, simpatizzanti ed elettori democratici si rivolge a Voi per richiamare attenzione su quanto sta accadendo a Cuneo nel PD. Alcuni mesi fa, nel corso di un’assemblea, presenti solo 14 iscritti sui 96 dichiarati dal circolo, il partito del capoluogo ha votato all’unanimità (sempre 14) il suo sostegno alla disponibilità della Senatrice Manassero a candidarsi sindaco di Cuneo.  Successivamente ha incontrato tutte le forze politiche e le liste di centrosinistra della città con l’obiettivo di unificarle in una coalizione a sostegno della parlamentare democratica.  Mentre ciò accadeva non solo noi, piccola frangia del mondo democratico cuneese, ma anche altri settori ben più vasti del partito ed esponenti autorevoli del Governo (non meno rappresentativi dei 14 iscritti), sottolineavano come fosse utile un secondo mandato del Sindaco Borgna, a pieno titolo uomo di area democratica (Presidente della Provincia con il PD e iscritto al PD fino al 2012) che ha ben operato e aggregato intorno a sè forze di area civica democratica e di centro di grande peso elettorale.  L’azione del Segretario cittadino Lingua non ha prodotto nessuno dei risultati di unità del centro sinistra anzi ha portato all’isolamento del partito.  Le liste a sinistra del PD hanno scelto un loro candidato e rifiutato la disponibilità della Senatrice Manassero. Così come le liste dell’attuale maggioranza, ad eccezione di una (che si riserva un pronunciamento comunque non condizionante) hanno ufficialmente ricandidato Federico Borgna.  Di fronte a questa situazione riteniamo opportuno che il PD, prenda atto che il suo tentativo non è andato in porto.Auspichiamo che colga la disponibilità all’ingresso nella coalizione che sosterrà Borgna portando il suo peso e la sua esperienza di forza di governo che ha guidato Cuneo per molti anni evitando il rischio di una nuova spaccatura dell’elettorato democratico come già avvenuto nel 2012.LABORATORIO DEMOCRATICO CUNEO

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.