La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 15 ottobre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Cure palliative precoci all’ospedale di Ceva

La Guida - Cure palliative precoci all’ospedale di Ceva

Ceva – Il servizio sta partendo, artefici i primari di medicina Carlo Muzzulini e il direttore dell’oncologia e responsabile della struttura cure palliative-Hospice dell’Asl Cn1, Pietro La Ciura, ed è stato illustrato all’assessore regionale alla sanità Antonio Saitta venerdi 7 ottobre, alla presenza dei sindaci del Cebano e del rappresentante dei medici di medicina generali del distretto. Il direttore generale dell’Asl Cn 1, Francesco Magni, ha sottolineato: “Questa è una soluzione che rende sostenibile la risposta ai pazienti, anche dal punto di vista economico e risponde anche alle esigenze dei monregalesi”. Il dottor La Ciura ha ribadito: “I letti sono una sperimentazione, per rendere visibili in ospedale le cure palliative, in una fase precoce, per situazioni con caratteristiche di non modificabilità e che hanno bisogno di ricovero, dove inizia un percorso lungo che richiede integrazione tra ospedale e territorio”. Il dottor Carlo Muzzulini ha aggiunto: “Dietro il progetto c’è un lavoro di ristrutturazione delle menti, è un fattore culturale. Mettiamo in campo una gestione elastica del paziente, speriamo di riuscire a esportare il modello”. L’assessore regionale Saitta ha apprezzato e incoraggiato l’iniziativa: “Il progetto è un esempio di offerta sanitaria adeguata ai cambiamenti. Sono interessato a questo esperimento: qui si cerca di fare qualcosa in più rispetto alle altre attività di integrazione. Occorre voltare pagina sull’organizzazione sanitaria, il tema nuovo è la territorialità. Si deve puntare su un’offerta sanitaria a misura di territorio”.Magni ha anche ricordato che a Ceva c’è un Pronto soccorso aperto 24 ore (in Comuni vicini della Liguria si è passati a punti di primo intervento), la situazione delle liste d’attesa è buona, con qualche criticità che si sta cercando di risolvere, come per la cardiologia con il raddoppio delle sedute ambulatoriali a partire dal 1º ottobre. “Investiremo di più sul consultorio – ha ancora detto il direttore generale – e avvieremo qualche iniziativa innovativa, come la diagnostica di laboratorio accelerata. Perché sono io il primo difensore di questo ospedale”.

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.