La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 27 maggio 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Immigrazione clandestina, 15 espulsi

La Guida - Immigrazione clandestina, 15 espulsi

Cuneese – Un totale di 408 extracomunitari identificati, 15 dei quali risultati irregolari e di conseguenza denunciati ed espulsi dal nostro Paese. È questo il risultato dei controlli effettuati dai Carabinieri in provincia di Cuneo negli ultimi tre giorni, per contrastare il fenomeno dell’immigrazione clandestina. Borgo San Dalmazzo, Saluzzo, Cuneo, Bra ed Alba i centri interessati dalle verifiche dei militari dell’Arma. A Borgo San Dalmazzo sono stati denunciati due ventenni di nazionalità egiziana e tre giovani marocchini. Tre di questi immigrati già erano stati colpiti da ordine di espulsione e per tutti sono state avviate le procedure di rimpatrio. A Saluzzo i militari hanno denunciato due marocchini irregolari e un cinquantenne cinese, regolare abitante a Bagnolo Piemonte, che, nel corso di un controllo su strada, aveva esibito una patente di guida recante i dati di un suo connazionale.A Cuneo sono stati rintracciati quattro giovani clandestini (due marocchini, un albanese ed un senegalese), a Bra sono stati identificati due marocchini pregiudicati, senza fissa dimora ed irregolari, mentre ad Alba sono stati denunciati un albanese ed un tunisino. Per tutti è scattato il provvedimento di espulsione/rimpatrio.

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.