La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 18 dicembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Il futuro di piazza d’Armi

La Guida - Il futuro di piazza d’Armi

Cuneo – Housing sociale, parcheggio di testata, un ritorno alle origini come contenitore di manifestazioni: pare essere questo il futuro di piazza d’Armi, nelle intenzioni della giunta Borgna.Sono 50.000 i metri quadri della piazza a disposizione. Un piccolo parco potrebbe essere realizzato a servizio della limitrofa F5, come scomputo degli oneri di urbanizzazione del palazzo costruito e di quelli che sorgeranno nell’area di fronte al Cuore Immacolato.Sulla restante parte vi potrebbe essere un ritorno alle origini, come contenitore di manifestazioni: si pensi che in quest’area si svolgeva la Grande Fiera d’Estate con i mega concerti, e molti ricorderanno il Vasco Rossi agli inizi della carriera.Il Comune ha anche intenzione di chiedere la sdemanializzazione del magazzino militare adiacente, facente parte della caserma Montezemolo,  dove sono disponibili altri 50.000 metri quadri. Qui potrebbero essere realizzate abitazioni di housing sociale (una formula che sta a metà fra l’edilizia privata di mercato, comunque cara, e l’edilizia popolare), per dare una risposta a portata di portafoglio per favorire l’insediamento di giovani famiglie nella città.Sempre nella grande piazza vi è l’intenzione di realizzare un grande parcheggio di testata all’ingresso della città e la centralizzazione dei magazzini comunali.I particolari su La Guida del 25 febbraio.

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.